L'Associazione Monastero del Bene Comune
è nata nel luglio 2009 presso l'antico monastero di Sezano, da un gruppo di persone che hanno a cuore la promozione della convivenza umana nella “città del vivere insieme”.

"L'umanità non è semplicemente l'insieme degli esseri umani, ma sono gli esseri umani che vivono insieme" (Riccardo Petrella).


SOSTIENI L'ASSOCIAZIONE


>Il mio voto va rispettato! Padova-Trieste


La fusione delle multiutility di Padova Trieste e Bologna
Le verita' nascoste della fusione per incorporazione Acegas aps - Hera (*)
A cura del Comitato Provinciale Due Sì per l'acqua bene comune Padova (8.10.2012)
Nella seduta del consiglio comunale del 24 settembre 2012, si è scelto di calpestare il risultato del referendum del 2011 e di procedere sulla via di una privatizzazione strisciante dell’acqua e degli altri servizi pubblici locali attraverso la vendita (detta fusione per incorporazione) di AcegasAps ad Hera, multiutility emiliano-romagnola. Nella maggioranza hanno votato a favore dell'operazione i consiglieri PD, IDV, SEL mentre Daniela Ruffini del PRC- PDCI ha votato contro e il consigliere Pisani si è astenuto. L'opposizione nel classico gioco delle parti con i 15 consiglieri presenti ha votato contro la fusione pur dichiarandosi ovviamente d’accordo con l’ottica delle aggregazioni e delle privatizzazioni.



La serata è stata caratterizzata fuori e dentro il Consiglio comunale dalla presenza di numerosi cittadine e cittadini, associazioni, comitati, centri sociali che hanno voluto far sentire la loro voce contestando con chiarezza la fusione che, per merito, forma e contenuti, è un'operazione volta a salvaguardare gli interessi spartitori di piccoli e grandi poteri ( ... di piccole grandi poltrone !!??) e a subordinare le scelte dalla politica agli interessi del mercato e della finanza.
Tutta l’operazione “fusione” è avvenuta in tempi strettissimi: dalla prima notizia apparsa sulla stampa cittadina nel giugno 2012, alla definitiva delibera consiliare sono trascorsi meno di tre mesi, al punto che anche la legittima richiesta di sospendere la votazione per informare e coinvolgere la cittadinanza attraverso un percorso di consultazione è stata incredibilmente respinta.
Tanta fretta è apparsa quanto meno sospetta e rafforza la nostra convinzione che quest’operazione sia parte di un disegno più generale di privatizzazione strisciante dell’acqua e degli altri servizi pubblici locali nel nostro Paese, con tanti saluti alla straordinaria vittoria referendaria del 12 e 13 giugno 2011!!
Nell’assenza di un reale contraddittorio in città, intendiamo socializzare le note che seguono, come contributo per svelare le tante falsità, ambiguità, affermazioni truccate utilizzate dai suoi sostenitori per coprire le verità sottese a questa sciagurata operazione.
Ci hanno sommerso di numeri e dati ma quello che pensiamo interessi alla città sia cogliere realmente il senso di un'operazione che consegna i nostri servizi alle logiche nefaste del mercato e del profitto.
PRIMO
Affermano che la fusione Acegas Aps –Hera andava fatta subito e si è svolta con il massimo coinvolgimento possibile della città.
E’ FALSO!
Il calendario della fusione è stato dettato dai Consigli di amministrazione, non c'era nessun obbligo. Si è trattato di una scelta politica.
L'operazione si è svolta con metodo tutto verticista e chiuso nelle stanze dei poteri economici. Le migliaia di cittadini che pagano con le loro bollette sempre più care i servizi erogati (acqua e rifiuti in primis), non hanno avuto voce in capitolo e le informazioni parziali sull'operazione sono filtrate solo attraverso articoli di giornale, note stampa e lo svolgimento di commissioni consiliari.
La decisione definitiva si poteva posticipare per aprire, come da noi richiesto, un processo di informazione e consultazione reale della città. Ma alla nostra richiesta di sospensione dell’operazione ci è stato risposto: “non ci sono i tempi tecnici, ai primi di ottobre deve riunirsi l'assemblea degli azionisti di Hera, che vogliono una risposta subito … L’operazione deve concludersi entro gennaio 2013!”
Altro che garanzie di democrazia, altro che Comune più forte: già prima della fusione è HERA spa che detta il calendario, che fa precedere i propri tempi aziendali a quelli della democrazia. Il tutto perfettamente coerente con l’assunto dominante: i “mercati” dettano la linea politica ai governi esattamente come i Consigli di amministrazione decidono al posto dei Consigli comunali , chiamati poi a ratificare quelle scelte. Insomma, siamo già sotto ricatto!!
SECONDO
Per giustificare la fusione con Hera hanno sostenuto che l'indicazione viene dall'Europa e che l'operazione non va contro il risultato referendario.
E' FALSO!
Cominciamo col dire che l’abrogazione delle norme sottoposte a referendum nel giugno del 2011 ci consegna un quadro normativo chiaro.
Con l’abrogazione del “Decreto Ronchi” e sue successive modifiche, operata dal Primo quesito referendario riprende vigore la disciplina comunitaria in ordine alla gestione dei servizi pubblici locali, la quale prevede anche la gestione tramite enti di diritto pubblico. Dunque, è una falsità affermare che l’Europa ci impone un certo tipo di scelte.
Già il governo Berlusconi ad agosto 2011 aveva cercato di cancellare i referendum riproponendo sfacciatamente le norme abrogate. Lo stesso governo Monti ha continuato a non tener conto dei referendum. Su tutto questo è intervenuta in maniera chiara la Corte Costituzionale con la sentenza di 199/2012 ribadendo la validità del risultato referendario. Si tratta dunque di scelte politiche e non imposte a priori.
TERZO
Affermano che la gestione dei servizi fatta da Società per azioni con maggioranza pubblica difende l'acqua e i servizi dalla privatizzazione.
E' FALSO!
Noi parliamo di privatizzazione strisciante perchè già la gestione dei servizi locali tramite una Società per azioni, per di più quotata in borsa, come ACEGAS APS era in contrasto con l’esito referendario.
Ancor più l'incorporazione in HERA fa prevalere l'essenza stessa delle Società per azioni, che partecipate o meno dal “pubblico”, hanno un consiglio di amministrazione e degli azionisti da soddisfare mediante distribuzione di utili, cioè profitti.
Ed è proprio questa priorità che porta a spericolate operazione finanziarie e che viene anteposta a criteri gestionali quali l’equità del servizio, la minimizzazione dell'impatto ambientale, la riduzione degli sprechi di acqua, la riduzione della produzione di rifiuti, il rispetto del territorio e della salute delle cittadine e dei cittadini.
QUARTO
Affermano che non c'era alternativa alla fusione-incorporazione e che, in ogni caso, non ci sono i soldi per operare diversamente.
E' FALSO!
Per rispettare la volontà referendaria l’amministrazione patavina, come qualsiasi altra amministrazione, avrebbe dovuto avviare un percorso per fuoriuscire dalla logica delle società per azioni e costruire insieme alla cittadinanza, i comitati, le associazioni, il cammino per una reale di ripubblicizzazione sul modello dell’azienda speciale di diritto pubblico, che ha già trovato applicazione in Italia a Napoli e in Europa a Parigi, Berlino etc..
Ma attenzione, il “pubblico” a cui ci riferiamo non è certo quella consorteria di ladri e speculatori che le cronache giudiziarie quotidianamente denunciano. Pensiamo, invece, ad una gestione autenticamente democratica, trasparente, nella quale la cittadinanza - nelle sue multiformi articolazioni - partecipa e decide al pari degli altri. Aziende di diritto pubblico con lo scopo chiaro di gestire i servizi come beni comuni e non come merci da usare per far profitti.
Non ci sono i soldi per ripublicizzare?
E i miliardi di euro di liquidità della Cassa Depositi e Prestiti, tutti derivati da risparmi dei cittadini? Quale migliore occasione per investire un po' di quella montagna di soldi in attività utili alla collettività?
Certo, se si pensa che al centro del nostro orizzonte tutto debba essere asservito al mercato e alle logiche imposte dalla finanza, allora tanto vale dire che in presenza dei tagli ai comuni per fare cassa si possono vendere anche i monumenti cittadini e usare i servizi per fare profitti!!! Oppure si può pensare che l'acqua del sindaco possa essere, sempre per guadagnare, venduta in bottiglia ( .. di vetro però come richiesto nella “raccomandazione” chiesta dalla consigliera di Sel!).
QUINTO
Affermano che l'ingresso nell’operazione della Cassa Depositi e Prestiti rafforza la dimensione pubblica della nuova multiutility contro ogni ipotesi di privatizzazione dei servizi.
E’ FALSO!
Cos'è oggi la Cassa Depositi e Prestiti? Nata nel 1850 la sua funzione era quella di raccogliere il risparmio postale dei cittadini per utilizzarlo per il finanziamento a tassi agevolati degli investimenti degli enti locali: una tipica funzione pubblica.Nel 2003 viene trasformata in una Società per azioni con soci privati e il suo raggio d’azione si amplia fino ad intervenire in tutti i settori della politica economica del paese e sul mercato finanziario internazionale. Gli investimento hanno come scopo principale quello di produrre utili per gli azionisti. Sparisce quindi ogni finalità pubblica visto che il finanziamento degli investimenti degli enti locali non è più fatto a tassi agevolati, bensì a tassi di mercato, con l’effetto di spingere i comuni a cercare finanziamenti direttamente dalla banche.
La Cassa Depositi e Prestiti opera con diversi fondi. Uno di questi è il Fondo Strategico Italiano (FSI), che entrerà nella nuova Hera.
Il suo peso nella nuova Hera, con gli 80 milioni di euro, che porterà in dote, determinerà attraverso un'operazione di aumento di capitale una riformulazione delle percentuali assegnate a tutti i soci, compresi i comuni.
Per capirci nella nuova Hera il Fondo avrà circa il 6% e Padova ad esempio circa il 5%. Certo ci viene detto che l'insieme degli enti pubblici (in cui sono compresi i comuni ed anche il Fondo della Cassa Depositi e prestiti), presenti nella multiutylity, manterranno la maggioranza della società. Ma come si fa a fidarsi di queste rassicurazioni infilandoci in una società per azioni con così tante variabili ed interessi? Chi assicura che poi qualcuno non inizi a vendere le sue quote?
SESTO
Ci viene detto che per la gestione dei servizi è meglio essere, anche con una quota minore, in una società grande e capace di competere sul mercato.
E' FALSO!
Per prima cosa abbiamo tutti sotto gli occhi cosa comporti la competizione nei mercati: il caso Lehman Brothers dovrebbe aver insegnato qualcosa anche nella nostra città!
La nuova Hera si appresta a diventare la prima azienda in materia di gestione rifiuti, la seconda per gestione del servizio idrico, la ventesima azienda italiana per dipendenti (8.500). Alla luce di questi dati è evidente che per un'azienda di queste proporzioni il business è centrale e che la cura dei servizi, che dovrebbe avere una forte natura territoriale, passa in secondo piano. Al primo posto vengono operazioni di mercato, acquisizioni, espansioni anche per garantire gli interessi dei grandi gruppi privati presenti in forza nella società. Guardando infatti la situazione da un punto di vista delle strategie generali, l'interesse di Hera è finalizzato a favorire l’espansione della stessa nelle regioni del nord-est, iniziando dall’incorporazione di Acegas Aps, appunto.Questa operazione è parte di un disegno più ampio che vorrebbe arrivare a costituire un'unica, gigantesca multiutility per tutto il nord Italia.
Crediamo, invece, che da questa operazione rafforzato ne uscirà soltanto il debito:
ai circa 500 milioni di € già accumulati da Acegas Aps si sommeranno i 2 miliardi e 300 milioni che porterà in dote Hera. Totale del debito 2 miliardi e 800 milioni!!
E sappiamo come per risanare i debiti la logica destinata a prevalere sarà quella di pesare sugli utenti.
SETTIMO
Affermano che le tariffe non aumenteranno.
E' FALSO!
Già oggi le tariffe, determinate dagli enti competenti, non fanno che crescere.
Quelle del servizio idrico, poi, denunciano una situazione paradossale. L'abbiamo sperimentato con chiarezza durante la Campagna di obbedienza civile per far rispettare il secondo quesito referendario, volto a eliminare i profitti dall'acqua. Ricordiamo infatti che nelle nostre tariffe idriche continua ad essere prelevata illegittimamente la quota di remunerazione del capitale investito che per Padova è del 17%. In questa occasione abbiamo assistito ad un rimpallo di responsabilità tra Ato e gestore (Acegas Aps) con il comune di Padova, presente in tutte e due le strutture, che declinava ogni responsabilità. Il gioco delle tre carte per continuare a far pagare una quota illegittima della tariffa ai cittadini/utenti. In ogni caso sia le tariffe dell'acqua e dei rifiuti non fanno altro che aumentare costantemente, per cui dire che con la fusione si garantisce che questo non avverrà è quantomeno irrispettoso dell'intelligenza dei cittadini.
OTTAVO
Affermano che nella fusione con Hera si garantirà, grazie al protocollo fra sindaci di Padova e Trieste e i sindacati CGIL CISL UIL, la salvaguardia dei posti di lavoro e la qualità dei servizi.
E’ FALSO!
Intanto stiamo parlando di un protocollo tra sindaci e sindacati senza la firma dell'azienda che dunque non è tenuta a nessun vincolo.
Per la nuova Hera, come per qualsiasi grande azienda, al primo posto c'è la necessità di stare competitivamente nel mercato e di fare contenti gli azionisti. Anche le spese per il personale devono seguire la stessa logica. Per cui se vi saranno esuberi in base agli obiettivi aziendali, nessuno potrà impedire licenziamenti: né i sindacati, né tantomeno l'amministrazione comunale. Per i lavoratori non è difficile prevedere che si andrà ad una riorganizzazione del lavoro con logica verticale e non certo attenta alla territorialità. Il tutto non farà che mettere in secondo piano la qualità dei servizi erogati.
NONO
Affermano che si andrà ad un ridimensionamento degli stipendi dei manager, come hanno sostenuto di aver ottenuto attraverso delle “raccomandazioni” i consiglieri di Sel e Idv per dare il loro assenso alla fusione-incorporazione.
E' FALSO!
Occorre innanzitutto rilevare che le cosidette “raccomandazioni” in generale sono solo uno specchio per le allodole, totalmente prive di efficacia. Perché nelle Società per azioni il numero dei consiglieri di amministrazione, l’entità dei loro compensi etc. non sono certo materia di competenza dei consigli comunali!! La totale autonomia e segretezza dell'operato dei Consigli d'ammnistrazione in una Società per azioni fanno parte della loro stessa natura.
Ma di che posti stiamo parlando?
Un posto spetterà a Padova nel Consiglio d'amministrazione della nuova Hera.
Due posti spetteranno sempre a Padova nel Consiglio d'amministrazione di Acegas Aps, che non sparirà ma diventerà Società Operativa Territoriale del gruppo Hera e nel cui Cda Hera avrà 5 consiglieri.
Resta peraltro aperta tutta la questione degli stipendi dati ai dirigenti per le varie funzioni, che non rientrano neanche nelle “raccomandazioni”. Dirigenti che continueranno a percepire emolumenti di misura notevolmente superiore allo stipendio medio di un qualsiasi quadro aziendale. Insomma poltrone ed incarichi che solo ingenuità o malafede possono pensare non verranno distribuiti attraverso i soliti meccanismi clientelari e con stipendi in ogni caso ben consistenti.
DECIMO
Affermano per quanto riguarda i rifiuti che la scelta della fusione con Hera è compatibile con l'aumento della raccolta differenziata e non si andrà ad un rafforzamento dell'incenerimento.
E' FALSO!
Qui siamo veramente alla provocazione. Come si fa a sostenere che nel momento in cui i rifiuti saranno gestiti dalla nuova Hera che ha il suo core-business proprio nella costruzione e gestione degli inceneritori, la stessa azienda sceglierà di mettere in secondo piano l'incenerimento rispetto ad altre tecniche di smaltimento dei rifiuti?
Altro che raccolta differenziata, riciclo e riuso! Gli inceneritori dovranno funzionare a tutto spiano per fare profitti, comprese le 3 linee padovane. E per favore, non diciamo che a controllare la quantità e quello che si brucia sarà la regione o altri enti .. abbiamo già visto, come denunciato dai comitati dei cittadini, arrivare all'inceneritore di San Lazzaro anche rifiuti speciali da altre regioni . Il tutto senza che la regione veneto formalmente ne sapesse nulla. D'altronde se lo scopo dell'azienda, in questo caso la nuova Hera, è massimizzare i risultati funzionali degli impianti è chiaro che i rifiuti da incenerire devono costantemente arrivare . In questo contesto appaiono assolutamente ridicole le “raccomandazioni”, poste dai consiglieri comunali di IDV e SEL, che parlano della chiusura della prima linea come qualcosa da “attuare” nel 2025, quando saranno ammortizzati i costi dei mutui accesi.
Ma come? La chiusura della prima linea non era già stata promessa come qualcosa da fare subito, nella scorsa campagna elettorale del 2009?
Per cui dovremmo tenerci la prima, la seconda e anche la terza linea dell'inceneritore accettando che a Padova la salute dei cittadini passi in secondo piano insieme allo sviluppo di alternative di gestione dei rifiuti quali la differenziata, il riuso e il riciclo.

mail acquabenecomune.pd@libero.it
La mobilitazione contro la fusione Acegas Aps – Hera è sostenuta dal Forum Italiano dei Movimenti per l'acqua
http://www.acquabenecomune.org/

(*) dal sito http://www.globalproject.info/it/in_movimento/le-verita-nascoste-della-fusione-per-incorporazione-acegas-aps-hera/12422
Stampa il post

Scuola Itinerante

L'ECONOMIA DEI BENI COMUNI.
E’ possibile costruire una “eco-nomia” fondata sui beni comuni?
Tempo di conoscere per agire

14/12/'13 Sezano .
Cosa si intende per "beni comuni", "beni comuni pubblici" e per "economia dei beni comuni", elementi teorici e dall'esperienza collettiva sociale storica.
> I beni comuni. I nodi da sciogliere. (11.07.2014) > vedi

Info programma qui > Per iscrizioni scrivere a monasterodelbenecomune@gmail.com

18/01/'14 Sezano . "Cos'è il valore? Teorie e politiche, per comprendere i fondamenti della ricchezza/povertà e delle inuguaglianze"



“Dopo le elezioni europee: criticità, sfide e proposte”

Il denaro non può determinare il valore del tempo, del lavoro, della felicità, della conoscenza, dell'acqua. Quando questo succede il tempo, il lavoro, la felicità, la conoscenza, l'acqua muoiono.

Incontro del 28.06.2014 - Sezano (Verona)
- "Le tre criticità maggiori" nella prospettiva di influenzare la definizione delle priorità dell'Agenda politica europea
- "Le sfide principali per la Sinistra europea" in una prospettiva europea-mondiale e locale-nazionale italiana
- "Prime proposte di azioni prioritarie" per semestre italiano UE / Agenda europea 2014-2016
Sintesi dei risultati salienti a cura di Riccardo Petrella (vedi)
Contributi di integrazione

CAMPAGNA STOP TTIP ITALIA

La Campagna Stop TTIP Italia nasce a febbraio 2014 per coordinare organizzazioni, reti, realtà e territori che si oppongono all’approvazione del Trattato di Partenariato Transatlantico su commercio e Investimenti (TTIP)

> leggi

> aderisci alla campagna

> con i piedi per terra

PIERLUIGI DI PIAZZA

"Il mio nemico è l'indifferenza"
essere cristiani nel tempo del grande esodo
Ed. Laterza
Video (1)(2)(3)(4)(5)(6)
Domenica 5 giugno ore 17.00
Monastero Stimmatini Sezano
Paolo Bertezzolo in dialogo con Pierluigi Di Piazza
"Non ci si può dichiarare cristiani e prendere parte alle ingiustizie, professare il razzismo, accettare la discriminazione di omosessuali, nomadi, carcerati, migranti. Non ci si può dichiarare cristiani ed essere complici della distruzione e dell'usurpazione dell'ambiente. Non ci si può dichiarare cristiani aderendo solo a parole al nuovo corso di papa Francesco, perpetuando nei fatti l'antico vizio di strumentalizzare Dio senza voler cambiare nulla. "

Le parole delle donne

2-3-4 gennaio 2016
Presentazione di Silvano Nicoletto
Anna Maria Bigon (parte 1)-(parte 2)-(Premio Comuni Virtuosi)
Donata Gottardi (parte 1)-(parte 2)
Loredana Dal Corso (Prologo)-(parte 1)-(parte 2)-(parte 3)-(parte 4)
Rita Giaretta (Lettera)-(parte 1)-(parte 2)
Susanna Caniato (prologo)-(parte 1)

DIALOGUES AFRICA@EUROPA.IT

"Quando (bianchi, neri,indiani e meticci) ci liberiamo dalle nostre paure, la nostra presenza libera automaticamente tutti gli altri." (Nelson Mandela)
Manifesto dei dialoghi
l'Africa e l'Europa per un destino comune
temi: la cooperazione internazionale, il fenomeno della corruzione, il fenomeno migratorio dentro la relazione Africa- Europa, i corridoi umanitari, il problema dell'infanzia, sfruttamento delle risorse, la desertificazione, e deforestazione, agricoltura per la comunità e per l'esportazione (caffè, cacao, cotone, ...), il furto della terra e dell'acqua, dall'istruzione all'educazione, la volorizzazione dei talenti, la questione giovanile, la politica estera degli stati, conflitti e armamenti, la tratta e le nuove schiavitù, le donne e la comunità, mondo rurale e mondo urbano, le migrazioni climatiche....

Seminario sul pensiero di R.Panikkar

Pace
seminario con Maciej Bielawski
Monastero di Sezano
2014 -18 ott,
29 nov,
20 dic,
2015 - 17 gen, 28 feb, 21 mar, 11 apr, 23 mag, 13 giu
info e iscrizioni: monasterodelbenecomune@gmail.com
t. 3472256997


Eco-logia Forum

"Malcesine" - affresco di Maciej Bielawski

La semplice eco-logia non basta. C’è bisogno anche di un dialogo con la terra. Ho chiamato ecosofia questo atteggiamento di dialogo. La terra non è un mero oggetto, è anche un soggetto, un Tu per noi, con cui dobbiamo imparare a entrare in dialogo. Così potremo scoprire che ecosofia ha un certo ruolo rivelatorio. Il nostro dialogo con la terra può rivelare come stanno le cose”. (R.Panikkar)

Alla ricerca di una cultura ecologica per il nostro territorio”

con Maciej Bielawski, Francesca Bragaja e Cristina Stevanoni

Giovedì 26 febbraio 2015 - ore 20.45 – 22.30

La città come luogo di vita"

con Giorgio Massignan

Mercoledì 18 marzo 2015 - ore 20.45 – 22.30

Biodiversità. La comunità del vivente

con Maria Giovanna Braioni

Giovedì 16 aprile 2015 - ore 20.45 – 22.30

L'agricoltura contadina per la sovranità alimentare

con Francesco Benciolini

Giovedì 14 maggio 2015 - ore 20.45 – 22.30

L'energia della Terra

con Laura Agostini

Giovedì 11 giugno 2015 - ore 20.45 – 22.30

luogo degli incontri: Monastero degli Stimmatini di Sezano - via Mezzomonte 28, verona

info e iscrizioni: monasterodelbenecomune@gmail.com - c. 3472256997

SEGUICI SU

Archivio articoli del blog

I LIBRI del MONASTERO DEL BENE COMUNE

* LIBRI APERTI
"come un libro aperto. la mia semplice testimonianza" di Aurora Morelli, stampato in proprio, luglio 2011, 288 pagine.


* I QUADERNI DEL VIVERE INSIEME
quaderno n. 3 "LE FABBRICHE DELLA POVERTA' " Liberare la società dall'impoverimento. Opera collettiva, stampato in proprio, settembre 2013, pag. 136

quaderno n°2. "IL CAPITALISMO BLU. La predazione della vita " di R. Petrella, stampato in proprio, aprile 2011, 143 pagine.
quaderno n°1. "RES PUBLICA E BENI COMUNI. Pensare le rivoluzioni del XXI secolo", di R. Petrella, stampato in proprio, ottobre 2010,151 pagine.

I libri sono disponibili nella sede dell'Associazione o richiedendoli via mail.


Archivio AUDIO - VIDEO

"Dalle acque amare alle 12 sorgenti e 70 palme". Lettura sapienziale del Libro dell'Esodo, con Mons. G.M. Bregantini
-------------------------------------------------
Nuove relazioni a partire dalla casa di Maria e Giuseppe, con Maria Soave Buscemi
-------------------------------------------------
dai Poveri Illegali alla Illegalità della Povertà, con p.S. Nicoletto, R.Petrella, F.Mestrum
-------------------------------------------------
Attraverso il Sahara. Il viaggio dei migranti verso l'Italia, con J-P. Piessou e giovani immigrati africani
-------------------------------------------------
Uscire dall'angoscia: ascolto e accoglienza, con E.Drewermann
-------------------------------------------------
L'umanesimo biblico, con Carmine Di Sante
-------------------------------------------------
Raimon Panikkar, profeta tra le fedi
con Achille Rossi
-------------------------------------------------
Conoscere le Mafie per costruire Legalità e Responsabilità
Le mafie: fenomeni criminali e non solo audio (Pierpaolo Romani) La mafia di casa nostra, la mafia in casa nostra audio (Monica Zornetta)
Nord-Sud, alleanza per la legalità audio (Vincenzo Linarello)
Cosa Nostra, la mafia siciliana audio (Pierpaolo Romani)
-------------------------------------------------
Lettura de "Res Publica e Beni Comuni"
-------------------------------------------------
La fede degli atei e l'ateismo dei credenti
conversazioni con José Maria Castillo | 3/5.1.'11
-------------------------------------------------
Abitare il Pianeta Errante
conversazioni con Antonietta Potente | 5.12.'10
-------------------------------------------------
Stranieri e Pellegrini, figli di Abramo
con p.Paolo Dall'Oglio e Hamza Piccardo | 9.1.'10

------------------------------------------------ Il sussulto del Diritto per i Diritto con Giancarlo Caselli | 9.1.'10 vedi video

© 2009-2011 Copyright Associazione Monastero del Bene. Per riprodurre i contenuti richiedere autorizzazione al webmaster

Powered by AMAZZER - Vai aINIZIO PAGINA