L'Associazione Monastero del Bene Comune
è nata nel luglio 2009 presso l'antico monastero di Sezano, da un gruppo di persone che hanno a cuore la promozione della convivenza umana nella “città del vivere insieme”.

"L'umanità non è semplicemente l'insieme degli esseri umani, ma sono gli esseri umani che vivono insieme" (Riccardo Petrella).


SOSTIENI L'ASSOCIAZIONE


> Decreto-legge Salva-Ilva o Ammazza-Taranto?




15 dicembre 2012, corteo a Taranto: salute, ambiente, cultura, reddito

I media nazionali non parlano della manifestazione del 15 dicembre e l'opinione pubblica è in parte convinta che la popolazione di Taranto gradisca il provvedimento del Governo che interferisce pesantemente con l'attività dei magistrati. Per sgombrare il campo da equivoci, basta sapere che molti nella città lo hanno battezzato subito decreto "Ammazza-Taranto"; pensano sia possibile puntare invece su salute, ambiente, cultura e reddito. http://www.peacelink.it/ecologia/a/37418.html


18 dicembre 2012 - Lidia Giannotti
Il 15 dicembre, un lunghissimo, affollato e appassionato corteo ha attraversato le strade di Taranto. Cresce la consapevolezza di tanti che in questo momento è in gioco la possibilità di allontanare la morte da questa città. Ma purtroppo (a parte gli amici di Genova, Trieste, Trento, Bari e degli altri paesi pugliesi che erano presenti) fuori da Taranto lo sanno in pochi: a parte le interviste in diretta di Rainews da Taranto, in TV non sono infatti passate notizie.
La stampa e le Tv locali hanno dato il giusto risalto alla manifestazione, in cui in tanti (tra i quindici e i ventimila partecipanti) hanno detto no al decreto-legge chiamato anche Ammazza-Taranto per chiedere azioni concrete per la tutela della salute e di altri beni e valori fondamentali, in appoggio alla magistratura. Non lo hanno fatto invece le TV  e la stampa nazionale, tranne l'agenzia ANSA, qualche quotidiano e Rainews, che senza però poter seguire molti momenti del corteo per un inconveniente tecnico, ha trasmesso da Taranto parti del concerto conclusivo e numerose interviste, raccolte anche il giorno successivo.
Il decreto-legge porrebbe nel nulla il sequestro giudiziario delle aree più pericolose dell' ILVA ed è un atto abnorme, adottato in carenza assoluta del potere che viene esercitato; per fare un esempio più estremo ma che rende l'idea, é come lasciare che un Sindaco adotti un'ordinanza di scarcerazione (un provvedimento impossibile da configurare, senza l'intervento di un organo che sia comunque un magistrato), per di più rispedendo l'indagato sotto processo nella famiglia o nel luogo di lavoro in cui il reato si è consumato. Anche per il futuro, il decreto-legge impedirebbe l 'intervento dei giudici in caso di violazione di norme, come  quelle stabilite nell'AIA  (e senza la possibilità di difenderli, i nostri diritti perdono molto del loro valore). Che il decreto abbia natura e forza di legge non alleggerisce la gravità dell'anomalia.
In questo terzo atto, dopo che molte istituzioni hanno ignorato per anni le richieste, le denunce e le lettere di allarme (perfino quelle accorate dei magistrati all’inizio del 2012), dopo il maquillage operato sull'Autorizzazione Integrata ambientale e la farsa - due ore prima dell'approvazione dell'AIA - delle audizioni del pubblico interessato (associazioni, pediatri, alcuni imprenditori), si arriva al culmine della commedia: si invoca l’esigenza di far fronte immediatamente all’emergenza sanitaria e di tutelare la salute, come presupposto per essere autorizzati  a intervenire con un decreto legge in sostituzione del Parlamento, e invece si rimette in moto proprio quell’attività che aveva dato origine all'emergenza, e che per questo era stata fermata.
Nonostante le tante difficoltà dovute anche all'accesso impari ai mezzi d'informazione, l’opinione pubblica non avrà però dubbi ad aderire alle ragioni sempre più limpide degli abitanti di Taranto.
In questa fase della vicenda Ilva, molti cercano di lasciare in ombra il tema più importante (quello da cui emergono gli aspetti illeciti o comunque più biechi o superficiali dei comportamenti di chi ha inquinato o ha lasciato fare), che però si impone con forza: le malattie e la sofferenza di questi anni, l'ingiustizia di situazioni in cui ci si ammala per lavoro e si viene addirittura licenziati, le paure degli operai e delle loro famiglie e di tutti gli abitanti di questo territorio.
Questa manifestazione, invece, con gli incontri che l’hanno preceduta e i ricordi che ha sollecitato, è stata l’occasione per raccogliere altri racconti e testimonianze sui tanti casi di patologie sospette, data l'età delle vittime e la concentrazione (con a volte decine di lutti nella stessa famiglia). Le storie sono amarissime: sono quelle degli operai che sapevano da sempre che un giorno si sarebbero ammalati, quelle di ragazzi colpiti nel fiore degli anni, e quelle di bambini che, quando non sono stati colpiti prestissimo o alla nascita da terribili patologie, hanno perso un genitore e si sono comunque abituati a vedere scomparire parenti e amici. Nel corteo, sabato scorso c'erano molti giovani genitori con i loro figli, i più piccoli nelle carrozzine, i più grandi seri e attenti fino alla fine. C'erano studenti vivacissimi e persone mature o più avanti negli anni, di ogni condizione sociale. Come si sentiva commentare spesso, l'imponenza e i modi di questa partecipazione pacifica ma decisa sono il segno forte di un senso civico ritrovato, che produce nuova forza e determinazione nonostante la cortina di silenzio. Chi c'era lo ha avvertito chiaramente: in alcune manifestazioni ci sono l'anima e la storia intera delle persone, e in questo caso, anche di quelle che non ci sono più e il domani dei bambini che questa comunità ha deciso di proteggere con tutte le sue forze.
Note:
NOTIZIE sul DECRETO-LEGGE 207/2012 (detto SALVA-ILVA) 
http://www.reteambiente.it/news/17717/il-decreto-ilva-e-legge-ok-a-produzione-per-sta/
PER CHI VUOLE APPROFONDIRE 
Il link che segue mette in evidenza i problemi più gravi degli impianti ILVA posti sotto sequestro, evidenziati dalle osservazioni sull'AIA delle associazioni nel 2011 e nel 2012: 
http://www.peacelink.it/ecologia/a/36897.html
L'Autorizzazione all'esercizio degli impianti ILVA (AIA = Autorizzazione Integrata Ambientale) è stata rilasciata nell'agosto 2011 dal Min. dell'Ambiente. La magistratura ha ritenuto alcuni impianti e l'area dove sono stoccate le polveri a cielo aperto molto pericolosi per la salute e li ha sequestrati. Le associazioni tarantine avevano presentato osservazioni puntuali e chiesto modifiche all'AIA. Ma anche gli ultimi frettolosi interventi del Ministero (integrazioni all'AIA del 18 ottobre 2012) lasciano inalterati i rischi per la popolazione, ridotti per ora solo grazie al sequestro giudiziario. 
Il decreto-legge 207 sottrae ora ai magistrati il potere di sequestrare gli impianti e di valutarne la pericolosità, dando prevalenza all'interesse alla produzione dell'acciaio: è una gravissima interferenza che viola la Costituzione e il sistema di tutela dei diritti individuali, a cui la popolazione di Taranto si oppone decisamente e contro cui è determinata a lottare, fino all'eliminazione dei rischi intollerabili a cui è sottoposta 
Stampa il post

Scuola Itinerante

L'ECONOMIA DEI BENI COMUNI.
E’ possibile costruire una “eco-nomia” fondata sui beni comuni?
Tempo di conoscere per agire

14/12/'13 Sezano .
Cosa si intende per "beni comuni", "beni comuni pubblici" e per "economia dei beni comuni", elementi teorici e dall'esperienza collettiva sociale storica.
> I beni comuni. I nodi da sciogliere. (11.07.2014) > vedi

Info programma qui > Per iscrizioni scrivere a monasterodelbenecomune@gmail.com

18/01/'14 Sezano . "Cos'è il valore? Teorie e politiche, per comprendere i fondamenti della ricchezza/povertà e delle inuguaglianze"



“Dopo le elezioni europee: criticità, sfide e proposte”

Il denaro non può determinare il valore del tempo, del lavoro, della felicità, della conoscenza, dell'acqua. Quando questo succede il tempo, il lavoro, la felicità, la conoscenza, l'acqua muoiono.

Incontro del 28.06.2014 - Sezano (Verona)
- "Le tre criticità maggiori" nella prospettiva di influenzare la definizione delle priorità dell'Agenda politica europea
- "Le sfide principali per la Sinistra europea" in una prospettiva europea-mondiale e locale-nazionale italiana
- "Prime proposte di azioni prioritarie" per semestre italiano UE / Agenda europea 2014-2016
Sintesi dei risultati salienti a cura di Riccardo Petrella (vedi)
Contributi di integrazione

CAMPAGNA STOP TTIP ITALIA

La Campagna Stop TTIP Italia nasce a febbraio 2014 per coordinare organizzazioni, reti, realtà e territori che si oppongono all’approvazione del Trattato di Partenariato Transatlantico su commercio e Investimenti (TTIP)

> leggi

> aderisci alla campagna

> con i piedi per terra

PIERLUIGI DI PIAZZA

"Il mio nemico è l'indifferenza"
essere cristiani nel tempo del grande esodo
Ed. Laterza
Video (1)(2)(3)(4)(5)(6)
Domenica 5 giugno ore 17.00
Monastero Stimmatini Sezano
Paolo Bertezzolo in dialogo con Pierluigi Di Piazza
"Non ci si può dichiarare cristiani e prendere parte alle ingiustizie, professare il razzismo, accettare la discriminazione di omosessuali, nomadi, carcerati, migranti. Non ci si può dichiarare cristiani ed essere complici della distruzione e dell'usurpazione dell'ambiente. Non ci si può dichiarare cristiani aderendo solo a parole al nuovo corso di papa Francesco, perpetuando nei fatti l'antico vizio di strumentalizzare Dio senza voler cambiare nulla. "

Le parole delle donne

2-3-4 gennaio 2016
Presentazione di Silvano Nicoletto
Anna Maria Bigon (parte 1)-(parte 2)-(Premio Comuni Virtuosi)
Donata Gottardi (parte 1)-(parte 2)
Loredana Dal Corso (Prologo)-(parte 1)-(parte 2)-(parte 3)-(parte 4)
Rita Giaretta (Lettera)-(parte 1)-(parte 2)
Susanna Caniato (prologo)-(parte 1)

DIALOGUES AFRICA@EUROPA.IT

"Quando (bianchi, neri,indiani e meticci) ci liberiamo dalle nostre paure, la nostra presenza libera automaticamente tutti gli altri." (Nelson Mandela)
Manifesto dei dialoghi
l'Africa e l'Europa per un destino comune
temi: la cooperazione internazionale, il fenomeno della corruzione, il fenomeno migratorio dentro la relazione Africa- Europa, i corridoi umanitari, il problema dell'infanzia, sfruttamento delle risorse, la desertificazione, e deforestazione, agricoltura per la comunità e per l'esportazione (caffè, cacao, cotone, ...), il furto della terra e dell'acqua, dall'istruzione all'educazione, la volorizzazione dei talenti, la questione giovanile, la politica estera degli stati, conflitti e armamenti, la tratta e le nuove schiavitù, le donne e la comunità, mondo rurale e mondo urbano, le migrazioni climatiche....

Seminario sul pensiero di R.Panikkar

Pace
seminario con Maciej Bielawski
Monastero di Sezano
2014 -18 ott,
29 nov,
20 dic,
2015 - 17 gen, 28 feb, 21 mar, 11 apr, 23 mag, 13 giu
info e iscrizioni: monasterodelbenecomune@gmail.com
t. 3472256997


Eco-logia Forum

"Malcesine" - affresco di Maciej Bielawski

La semplice eco-logia non basta. C’è bisogno anche di un dialogo con la terra. Ho chiamato ecosofia questo atteggiamento di dialogo. La terra non è un mero oggetto, è anche un soggetto, un Tu per noi, con cui dobbiamo imparare a entrare in dialogo. Così potremo scoprire che ecosofia ha un certo ruolo rivelatorio. Il nostro dialogo con la terra può rivelare come stanno le cose”. (R.Panikkar)

Alla ricerca di una cultura ecologica per il nostro territorio”

con Maciej Bielawski, Francesca Bragaja e Cristina Stevanoni

Giovedì 26 febbraio 2015 - ore 20.45 – 22.30

La città come luogo di vita"

con Giorgio Massignan

Mercoledì 18 marzo 2015 - ore 20.45 – 22.30

Biodiversità. La comunità del vivente

con Maria Giovanna Braioni

Giovedì 16 aprile 2015 - ore 20.45 – 22.30

L'agricoltura contadina per la sovranità alimentare

con Francesco Benciolini

Giovedì 14 maggio 2015 - ore 20.45 – 22.30

L'energia della Terra

con Laura Agostini

Giovedì 11 giugno 2015 - ore 20.45 – 22.30

luogo degli incontri: Monastero degli Stimmatini di Sezano - via Mezzomonte 28, verona

info e iscrizioni: monasterodelbenecomune@gmail.com - c. 3472256997

SEGUICI SU

Archivio articoli del blog

I LIBRI del MONASTERO DEL BENE COMUNE

* LIBRI APERTI
"come un libro aperto. la mia semplice testimonianza" di Aurora Morelli, stampato in proprio, luglio 2011, 288 pagine.


* I QUADERNI DEL VIVERE INSIEME
quaderno n. 3 "LE FABBRICHE DELLA POVERTA' " Liberare la società dall'impoverimento. Opera collettiva, stampato in proprio, settembre 2013, pag. 136

quaderno n°2. "IL CAPITALISMO BLU. La predazione della vita " di R. Petrella, stampato in proprio, aprile 2011, 143 pagine.
quaderno n°1. "RES PUBLICA E BENI COMUNI. Pensare le rivoluzioni del XXI secolo", di R. Petrella, stampato in proprio, ottobre 2010,151 pagine.

I libri sono disponibili nella sede dell'Associazione o richiedendoli via mail.


Archivio AUDIO - VIDEO

"Dalle acque amare alle 12 sorgenti e 70 palme". Lettura sapienziale del Libro dell'Esodo, con Mons. G.M. Bregantini
-------------------------------------------------
Nuove relazioni a partire dalla casa di Maria e Giuseppe, con Maria Soave Buscemi
-------------------------------------------------
dai Poveri Illegali alla Illegalità della Povertà, con p.S. Nicoletto, R.Petrella, F.Mestrum
-------------------------------------------------
Attraverso il Sahara. Il viaggio dei migranti verso l'Italia, con J-P. Piessou e giovani immigrati africani
-------------------------------------------------
Uscire dall'angoscia: ascolto e accoglienza, con E.Drewermann
-------------------------------------------------
L'umanesimo biblico, con Carmine Di Sante
-------------------------------------------------
Raimon Panikkar, profeta tra le fedi
con Achille Rossi
-------------------------------------------------
Conoscere le Mafie per costruire Legalità e Responsabilità
Le mafie: fenomeni criminali e non solo audio (Pierpaolo Romani) La mafia di casa nostra, la mafia in casa nostra audio (Monica Zornetta)
Nord-Sud, alleanza per la legalità audio (Vincenzo Linarello)
Cosa Nostra, la mafia siciliana audio (Pierpaolo Romani)
-------------------------------------------------
Lettura de "Res Publica e Beni Comuni"
-------------------------------------------------
La fede degli atei e l'ateismo dei credenti
conversazioni con José Maria Castillo | 3/5.1.'11
-------------------------------------------------
Abitare il Pianeta Errante
conversazioni con Antonietta Potente | 5.12.'10
-------------------------------------------------
Stranieri e Pellegrini, figli di Abramo
con p.Paolo Dall'Oglio e Hamza Piccardo | 9.1.'10

------------------------------------------------ Il sussulto del Diritto per i Diritto con Giancarlo Caselli | 9.1.'10 vedi video

© 2009-2011 Copyright Associazione Monastero del Bene. Per riprodurre i contenuti richiedere autorizzazione al webmaster

Powered by AMAZZER - Vai aINIZIO PAGINA