L'Associazione Monastero del Bene Comune
è nata nel luglio 2009 presso l'antico monastero di Sezano, da un gruppo di persone che hanno a cuore la promozione della convivenza umana nella “città del vivere insieme”.

"L'umanità non è semplicemente l'insieme degli esseri umani, ma sono gli esseri umani che vivono insieme" (Riccardo Petrella).


SOSTIENI L'ASSOCIAZIONE


> L'acqua è moneta, secondo l'Ue


di Riccardo Petrella (Il Manifesto, 13.12.2012)
Un'analisi del Piano d'azione per l'acqua approvato dalla Commissione europeaTra l'idea teorica del «bene comune» a quella pratica che spinge a darle un valore economico.

Il 14 novembre scorso la Commissione europea ha approvato il «Piano d'azione per la salvaguardia delle risorse d'acqua dell'Europa». Si tratta del documento politico più importante nel campo dell'acqua prodotto dall'organo esecutivo dell'Unione dopo l'adozione nel 2000 della Direttiva Quadro Europea sull'acqua. Esso è destinato ad influenzare significativamente il divenire dell'acqua nei paesi dell'Unione, nelle nostre regioni, città e villaggi. 
Il «Piano» mira ad «eliminare gli ostacoli» che riducono l'efficacia delle misure miranti alla salvaguardia delle risorse idriche». È centrato sul miglioramento dell'utilizzazione del suolo e il buon stato ecologico delle acque, la lotta contro l'inquinamento, l'utilizzazione razionale dell'acqua (ossia «gestione economica e finanziaria dell'acqua»), la vulnerabilità dell'Europa di fronte alle inondazioni e alle siccità, il miglioramento della «governance» dell'acqua, i problemi trasversali (per esempio, la promozione dei partenariati per l'innovazione tecnologica nel campo idrico), e, infine, gli aspetti globali (in verità, la Cenerentola del «Piano»). La maggioranza dei diciotto obiettivi riguarda gli aspetti economici e finanziari. Fra le quattro modalità d'azione, un ruolo importante è affidato agli strumenti facoltativi (il campo dell'etichettaggio e della certificazione, ad esempio, è lasciato alla libertà degli operatori). L'obbligatorietà è invece imposta unicamente per quanto concerne il prezzo dell'acqua secondo il principio mercantile «chi consuma, paga». Un menu impressionante, certamente complesso e difficile da gestire e realizzare. La Commissione europea merita di essere congratulata per il lavoro, doveroso, svolto. Purtroppo, l'esecutivo europeo ha operato delle scelte piuttosto dogmatiche a livello dei principi fondatori. Conseguenza, le priorità d'azione e le proposte non sono all'altezza delle sfide. A causa delle sue scelte, la Commissione si è messa nell'incapacità di «vedere» al di là di quel che ha deciso di voler vedere. Il primo accecamento risulta dalla scelta fatta di considerare l'acqua unicamente come un «capitale naturale». La Commissione non «vede» che l'acqua è anche, se non soprattutto, un «elemento vitale insostituibile», «fonte di vita», «bene sociale», «bene comune», «patrimonio» della vita di tutte le specie viventi microbiche, vegetali, animali, umane. L'uso esclusivo del concetto di «capitale naturale» non è innocente né casuale. Da quando il termine «capitale» è entrato in economia, esso è indissociabile dalle nozioni di «debito» (si pensi alla situazione attuale), di ricchezza, specie individuale, appropriabile, sfruttabile. Chiaramente, la Commissione ha deciso di iscrivere la salvaguardia dell'acqua nel campo ristretto e riduttore della gestione di un fattore produttivo di «ricchezza». Non per nulla, da anni la Commissione spinge con forza ad imporre la monetizzazione dell'acqua (« Valuing water»), cioè dare un valore economico (monetario e finanziario) all'acqua ( ai fiumi, alle falde, ai laghi...) e ai servizi ecoambientali che l'acqua «offre». La Commissione afferma che monetizzare il capitale idrico ed i suoi servizi è diventata la base necessaria ed indispensabile per concepire e realizzare una politica europea solida ed efficace. Cosi, le analisi e proposte del «Piano» sono centrate sull'acqua in quanto «capitale stock» e «capitale flussi». L'importante diventa la contabilità idrica, il bilancio idrico, il deficit/surplus idrico. Il «Piano» s'interessa principalmente alle cifre. Nessuno nega che i numeri siano importanti e che i piani relativi alle masse d'acqua dei bacini idrografici siano assolutamente necessari, ma «contare» non è sufficiente. Il divenire dell'acqua e della vita non possono essere imprigionati nella gabbia delle cifre. Dietro i numeri sull'acqua ci sono gli esseri umani, i diritti e doveri (responsabilità), le relazioni sociali, i rapporti di forza il più sovente inuguali ed ingiusti, i desideri, gli immaginari collettivi. Se la Commissione avesse «visto» l'acqua anche come «bene comune» avrebbe potuto dimostrare che la grande maggioranza delle acque d'Europa fa parte di bacini idrografici transnazionali e che, quindi, l'acqua è un esempio forte di «bene comune europeo». La Commissione avrebbe potuto fondare la politica europea dell'acqua su questa evidenza e promuovere una nuova fase storica dell'integrazione europea, guidata dai principi di cooperazione/condivisione/coresponsabilità europea, come accadde per il carbone e l'acciaio sui quali nacque la prima «Comunità» europea con reali poteri sovranazionali. Il secondo accecamento è legato al dogma sul prezzo dell'acqua. L'unico momento «appassionato» nel testo della Commissione s'esprime quando si parla di tariffazione. Il prezzo dell'acqua è un atto di fede per la Commissione. Per essa, non v'è «utilizzazione razionale» dell'acqua in assenza di un prezzo dell'acqua fondato sul principio della ricuperazione dei costi totali di produzione, profitto compreso. Per la Commissione, l'art.9 della Direttiva Quadro Europea del 2000 costituisce l'architrave centrale del suo sistema di gestione e di «governance» dell'acqua. Nella visione della Commissione, il rispetto dell'art.9 è addirittura una condizione per l'accesso ai Fondi europei (sviluppo rurale, fondi strutturali e di coesione, prestiti della Bei). La Commissione sapeva che nel giugno 2011 27 milioni d'Italiani avevano abrogato per via referendaria l'introduzione della «tariffa con profitto» nella legislazione italiana. La Commissione ha superbamente ignorato la volontà espressa dalla stragrande maggioranza dei cittadini di uno Stato membro dell'Unione. Il dogma di far pagare ai consumatori i costi dell'approvvigionamento d'acqua potabile è più forte della volontà dei cittadini. Per la Commissione, ogni acqua è una risorsa trasformata in prodotto o servizio, per cui il suo accesso ed uso devono essere pagati da coloro che la consumano e/o l'inquinano. Nessuna distinzione è fatta tra l'acqua per la vita alla quale ciascun essere umano ed ogni comunità umana ha diritto e l'acqua per produrre vegetali per generare biocarburanti o l'acqua per le piscine individuali.Il «Piano» non fa alcun riferimento al diritto umano all'acqua potabile ed ai servizi igienico-sanitari come punto saliente delle priorità della politica europea dell'acqua. Per conseguenza, niente è detto del valore economico pubblico, non mercantile, delle attività di purificazione e della sicurezza idrica collettiva per la produzione locale di alimenti, una sicurezza idrica del tutto diversa da quella cui tengono molto Coca-Cola o Nestlé (proprietaria anche della San Pellegrino) per garantire la sopravvivenza del loro business (e profitti). L'acqua «risorsa naturale» è sottomessa alla stessa logica e vincoli del petrolio, del gas. Non per nulla il «Piano» si situa deliberatamente nell'ambito della strategia 2020 dell'Unione per «A Ressources Efficient Europe» e che la Commissione parla da anni di « Water Efficient Europe» . Coerentemente le proposte danno la priorità all'installazione obbligatoria dei contatori individuali in tutti i settori d'uso, al miglioramento dei metodi di valutazione dei costi/benefici e del sistema di commercio delle quote di acqua accordate ai vari utiizzatori. La presa a carico, attraverso la fiscalità o altre fonti del denaro pubblico, dei costi relativi al diritto all'acqua individuale e collettivo, è semplicemente ignorata perché considerata una eresia. Infine, il terzo accecamento si manifesta sui famosi s takeholders , che la Commissione chiama «le parti interessate». Gli Stati membri e gli stakeholders sono i principali attori dell'applicazione e realizzazione del Piano. I cittadini europei non esistono, non hanno niente da dire né da fare riguardo la salvaguardia delle acque europee. Sappiamo che per la Commissione i proprietari terrieri, le associazioni dei consumatori, le industrie della carta , le imprese chimiche e farmaceutiche, le imprese grandi utilizzatrici d'acqua come Coca-Cola o Nestlé o le industrie estrattive, sono gli stakeholders da associare all'elaborazione e realizzazione della politica dell'acqua. Per questo la Commissione li ha invitati a far parte dei numerosi comitati consultivi creati nel settore. Non succede lo stesso per le associazioni di quartiere, le Ong di difesa dei diritti umani e sociali, o i movimenti della società civile opposti alla mercificazione ed alla privatizzazione dell'acqua. È rarissimo che i loro rappresentanti siedano in detti comitati. Si tratta di un accecamento politico deliberato inaccettabile in una società che si proclama democratica e fa un gran parlare di partecipazione dei cittadini. La crisi di senso dell'Europa attuale è essenzialmente dovuta al fatto che, invece di credere nella «res publica», i dirigenti europei hanno creduto unicamente nei dogmi della Teologia Universale Capitalista e nel primato degli interessi strettamente economici e corporativi dei poteri forti.


(http://www.ilmanifesto.it/area-abbonati/ricerca/nocache/1/manip2n1/20121213/manip2pg/15/manip2pz/333150/manip2r1/petrella%20riccardo/)
Stampa il post

Scuola Itinerante

L'ECONOMIA DEI BENI COMUNI.
E’ possibile costruire una “eco-nomia” fondata sui beni comuni?
Tempo di conoscere per agire

14/12/'13 Sezano .
Cosa si intende per "beni comuni", "beni comuni pubblici" e per "economia dei beni comuni", elementi teorici e dall'esperienza collettiva sociale storica.
> I beni comuni. I nodi da sciogliere. (11.07.2014) > vedi

Info programma qui > Per iscrizioni scrivere a monasterodelbenecomune@gmail.com

18/01/'14 Sezano . "Cos'è il valore? Teorie e politiche, per comprendere i fondamenti della ricchezza/povertà e delle inuguaglianze"



“Dopo le elezioni europee: criticità, sfide e proposte”

Il denaro non può determinare il valore del tempo, del lavoro, della felicità, della conoscenza, dell'acqua. Quando questo succede il tempo, il lavoro, la felicità, la conoscenza, l'acqua muoiono.

Incontro del 28.06.2014 - Sezano (Verona)
- "Le tre criticità maggiori" nella prospettiva di influenzare la definizione delle priorità dell'Agenda politica europea
- "Le sfide principali per la Sinistra europea" in una prospettiva europea-mondiale e locale-nazionale italiana
- "Prime proposte di azioni prioritarie" per semestre italiano UE / Agenda europea 2014-2016
Sintesi dei risultati salienti a cura di Riccardo Petrella (vedi)
Contributi di integrazione

CAMPAGNA STOP TTIP ITALIA

La Campagna Stop TTIP Italia nasce a febbraio 2014 per coordinare organizzazioni, reti, realtà e territori che si oppongono all’approvazione del Trattato di Partenariato Transatlantico su commercio e Investimenti (TTIP)

> leggi

> aderisci alla campagna

> con i piedi per terra

PIERLUIGI DI PIAZZA

"Il mio nemico è l'indifferenza"
essere cristiani nel tempo del grande esodo
Ed. Laterza
Video (1)(2)(3)(4)(5)(6)
Domenica 5 giugno ore 17.00
Monastero Stimmatini Sezano
Paolo Bertezzolo in dialogo con Pierluigi Di Piazza
"Non ci si può dichiarare cristiani e prendere parte alle ingiustizie, professare il razzismo, accettare la discriminazione di omosessuali, nomadi, carcerati, migranti. Non ci si può dichiarare cristiani ed essere complici della distruzione e dell'usurpazione dell'ambiente. Non ci si può dichiarare cristiani aderendo solo a parole al nuovo corso di papa Francesco, perpetuando nei fatti l'antico vizio di strumentalizzare Dio senza voler cambiare nulla. "

Le parole delle donne

2-3-4 gennaio 2016
Presentazione di Silvano Nicoletto
Anna Maria Bigon (parte 1)-(parte 2)-(Premio Comuni Virtuosi)
Donata Gottardi (parte 1)-(parte 2)
Loredana Dal Corso (Prologo)-(parte 1)-(parte 2)-(parte 3)-(parte 4)
Rita Giaretta (Lettera)-(parte 1)-(parte 2)
Susanna Caniato (prologo)-(parte 1)

DIALOGUES AFRICA@EUROPA.IT

"Quando (bianchi, neri,indiani e meticci) ci liberiamo dalle nostre paure, la nostra presenza libera automaticamente tutti gli altri." (Nelson Mandela)
Manifesto dei dialoghi
l'Africa e l'Europa per un destino comune
temi: la cooperazione internazionale, il fenomeno della corruzione, il fenomeno migratorio dentro la relazione Africa- Europa, i corridoi umanitari, il problema dell'infanzia, sfruttamento delle risorse, la desertificazione, e deforestazione, agricoltura per la comunità e per l'esportazione (caffè, cacao, cotone, ...), il furto della terra e dell'acqua, dall'istruzione all'educazione, la volorizzazione dei talenti, la questione giovanile, la politica estera degli stati, conflitti e armamenti, la tratta e le nuove schiavitù, le donne e la comunità, mondo rurale e mondo urbano, le migrazioni climatiche....

Seminario sul pensiero di R.Panikkar

Pace
seminario con Maciej Bielawski
Monastero di Sezano
2014 -18 ott,
29 nov,
20 dic,
2015 - 17 gen, 28 feb, 21 mar, 11 apr, 23 mag, 13 giu
info e iscrizioni: monasterodelbenecomune@gmail.com
t. 3472256997


Eco-logia Forum

"Malcesine" - affresco di Maciej Bielawski

La semplice eco-logia non basta. C’è bisogno anche di un dialogo con la terra. Ho chiamato ecosofia questo atteggiamento di dialogo. La terra non è un mero oggetto, è anche un soggetto, un Tu per noi, con cui dobbiamo imparare a entrare in dialogo. Così potremo scoprire che ecosofia ha un certo ruolo rivelatorio. Il nostro dialogo con la terra può rivelare come stanno le cose”. (R.Panikkar)

Alla ricerca di una cultura ecologica per il nostro territorio”

con Maciej Bielawski, Francesca Bragaja e Cristina Stevanoni

Giovedì 26 febbraio 2015 - ore 20.45 – 22.30

La città come luogo di vita"

con Giorgio Massignan

Mercoledì 18 marzo 2015 - ore 20.45 – 22.30

Biodiversità. La comunità del vivente

con Maria Giovanna Braioni

Giovedì 16 aprile 2015 - ore 20.45 – 22.30

L'agricoltura contadina per la sovranità alimentare

con Francesco Benciolini

Giovedì 14 maggio 2015 - ore 20.45 – 22.30

L'energia della Terra

con Laura Agostini

Giovedì 11 giugno 2015 - ore 20.45 – 22.30

luogo degli incontri: Monastero degli Stimmatini di Sezano - via Mezzomonte 28, verona

info e iscrizioni: monasterodelbenecomune@gmail.com - c. 3472256997

SEGUICI SU

Archivio articoli del blog

I LIBRI del MONASTERO DEL BENE COMUNE

* LIBRI APERTI
"come un libro aperto. la mia semplice testimonianza" di Aurora Morelli, stampato in proprio, luglio 2011, 288 pagine.


* I QUADERNI DEL VIVERE INSIEME
quaderno n. 3 "LE FABBRICHE DELLA POVERTA' " Liberare la società dall'impoverimento. Opera collettiva, stampato in proprio, settembre 2013, pag. 136

quaderno n°2. "IL CAPITALISMO BLU. La predazione della vita " di R. Petrella, stampato in proprio, aprile 2011, 143 pagine.
quaderno n°1. "RES PUBLICA E BENI COMUNI. Pensare le rivoluzioni del XXI secolo", di R. Petrella, stampato in proprio, ottobre 2010,151 pagine.

I libri sono disponibili nella sede dell'Associazione o richiedendoli via mail.


Archivio AUDIO - VIDEO

"Dalle acque amare alle 12 sorgenti e 70 palme". Lettura sapienziale del Libro dell'Esodo, con Mons. G.M. Bregantini
-------------------------------------------------
Nuove relazioni a partire dalla casa di Maria e Giuseppe, con Maria Soave Buscemi
-------------------------------------------------
dai Poveri Illegali alla Illegalità della Povertà, con p.S. Nicoletto, R.Petrella, F.Mestrum
-------------------------------------------------
Attraverso il Sahara. Il viaggio dei migranti verso l'Italia, con J-P. Piessou e giovani immigrati africani
-------------------------------------------------
Uscire dall'angoscia: ascolto e accoglienza, con E.Drewermann
-------------------------------------------------
L'umanesimo biblico, con Carmine Di Sante
-------------------------------------------------
Raimon Panikkar, profeta tra le fedi
con Achille Rossi
-------------------------------------------------
Conoscere le Mafie per costruire Legalità e Responsabilità
Le mafie: fenomeni criminali e non solo audio (Pierpaolo Romani) La mafia di casa nostra, la mafia in casa nostra audio (Monica Zornetta)
Nord-Sud, alleanza per la legalità audio (Vincenzo Linarello)
Cosa Nostra, la mafia siciliana audio (Pierpaolo Romani)
-------------------------------------------------
Lettura de "Res Publica e Beni Comuni"
-------------------------------------------------
La fede degli atei e l'ateismo dei credenti
conversazioni con José Maria Castillo | 3/5.1.'11
-------------------------------------------------
Abitare il Pianeta Errante
conversazioni con Antonietta Potente | 5.12.'10
-------------------------------------------------
Stranieri e Pellegrini, figli di Abramo
con p.Paolo Dall'Oglio e Hamza Piccardo | 9.1.'10

------------------------------------------------ Il sussulto del Diritto per i Diritto con Giancarlo Caselli | 9.1.'10 vedi video

© 2009-2011 Copyright Associazione Monastero del Bene. Per riprodurre i contenuti richiedere autorizzazione al webmaster

Powered by AMAZZER - Vai aINIZIO PAGINA