L'Associazione Monastero del Bene Comune
è nata nel luglio 2009 presso l'antico monastero di Sezano, da un gruppo di persone che hanno a cuore la promozione della convivenza umana nella “città del vivere insieme”.

"L'umanità non è semplicemente l'insieme degli esseri umani, ma sono gli esseri umani che vivono insieme" (Riccardo Petrella).


SOSTIENI L'ASSOCIAZIONE


> IN PIEDI POPOLO ITALIANO. TUTTI I #CIE DEVONO CHIUDERE SUBITO

DICHIARAZIONE 
Gruppo  promotore “Dichiariamo Illegale la Povertà”  (DIP) (*)

In piedi, popolo italiano! Non  possiamo accettare che sull’altare dell’ipocrita  “non c’è posto per tutti”  si continuino a perpetrare atti disumani, in nostro nome ed  in ottemperanza  di leggi di stampo razzista (leggi Turco-Napolitano del 1996 e Bossi-Fini del 2002) di cui dobbiamo vergognarci. I CIE (dapprima chiamati Centri di Permanenza Temporanea) sono stati istituiti secondo l’art.12 della legge Turco-Napolitano! Accettare il “non c’è posto per tutti’ nei confronti degli immigrati significa  accettare che, anche in casa Italia, “non c’è posto per tutti”, legittimando cosi  le generazioni  di giovani sacrificati (45% dei giovani sono senza prospettive di lavoro: “non c’è lavoro per tutti”) ed  i milioni di famiglie sempre di più impoverite... (“non c’è casa né denaro per tutti”) e di bambini poveri. C’è invece posto nel bilancio dello Stato per i miliardi di euro necessari per l’acquisto di 90 aerei da caccia F35. Per la guerra c’è posto, non per la giustizia. 
Ci era stato detto che sarebbe stato difficile chiudere i CIE a livello italiano perché l’apertura dei Centri d’Identificazione e di Espulsione (CIE)  “ è stata decisa  dall’Unione europea dai paesi firmatari degli Accordi di Schengen”.  La chiusura del CIE di Lampedusa, il 24 dicembre scorso, dopo lo scandalo della pulizia “igienica” degli immigrati sopravvissuti alla “traversata della morte”, dimostra invece che non v’é alcuna ragione di mantenere in vita un’istituzione che è “fuori legge” da tutti i punti di vista, in un Paese dove il governo non fa altro che affermare di voler fare rispettare le legalità.  
In piedi , popolo italiano! Non v’è alcuna ragione che le Autorità Pubbliche italiane mantengano in vita luoghi riconosciuti da tutti, anche dalle delegazioni di deputati e di senatori che hanno ispezionato i CIE  come luoghi scandalosi ed insopportabili sul piano dei diritti umani. I CIE in Italia non rispettono la legalità repubblicana e nemmeno la legge che li ha creati. A titolo di esempio  fra le  tante altre violazioni: le persone “accolte” nei CIE  vi dovrebbero restare al massimo per 18 mesi (il che è enorme). Invece c'è gente che vi permane molto di più essendo trattati, inoltre, come se fossero dei detenuti  pur  non essendo accusati di  alcun reato. 
In piedi, popolo italiano! Noi Italiani siamo  discendenti, ed eredi, di intere generazioni di emigrati tra il Sud ed il Nord dell’Italia e  verso l’Europa e le Americhe. Come le quarantamila persone che hanno perso la vita nelle acque del Mediterraneo in  quest’ultimi anni tentando di raggiungere le sponde dell’Italia o della Spagna, molti degli emigati italiani persero la vita nell’attraversamento dell’Atlantico. Non parliamo delle storie di razzismo e di rigetto sociale vissute da milioni d’emigrati italiani all’estero (e quelli dell Sud in casa nostra). L’attuale  passiva accettazione e forte indiffferenza  della maggioranza degli Italiani rispetto a quanto di antiumano ed antisociale rappresentano i CIE sono l’espressione  di un popolo che ha svenduto la propria memoria storica, la propria identità e la sua dignità in cambio di una sicurezza e di un benessere riservati, per di più, per i più ricchi, i più potenti. Qualora l’Unione Europea “permettesse” la permanenza dei CIE in Italia,  essa confermerebbe ciò che da anni gli Europei  hanno imparato e cioé che l’Unione europea attuale non  rispetta la giustizia né applica concretamente i principi di umanità e di solidarietà affermati nei Trattati costitutivi dell’UE. Una grande ondata di regressione sociale ha spazzato via, negli ultimi venti anni, i fondamenti dello Stato sociale  di cui l’Europa era fiera, a giusto titolo. Oggi l’Europa ha fatto della politica contro i migranti il suo cavallo di battaglia per legittimare i sacrifici umani e sociali che sta imponendo in nome della profonda crisi economica di cui è co-responsabile con i dirigenti americani USA. Addirittura, in questi giorni, gli Europei hanno deciso di fare un passo avanti nella militarizzazione delle frontiere sud dell’Europa autorizzando il pattugliamento del Mediterraneo con navi da guerra per... lottare contro “l’immigrazione clandestina”.
In piedi, popolo italiano! Non possiamo ulteriormente accettare che migliaia di esseri umani siano ingiustamente reclusi e sottoposti a trattamenti disumani perché hanno sperato di trovare in Italia o in Europa  una nuova vita.
Facciamo sapere ai nostri parlementari  e “leaders” con migliaia di e-mails che noi cittadini domandiamo la chiusura definitiva di tutti i CIE in seno  all’UE e la messa a punto di un piano di  accoglienza e  regolarizzazione, europeo di preferenza, dei movimenti migratori alla cui realizzazione occorre coinvolgere in maniera diretta e coordinata  il mondo delle ONG e dell’economia sociale, cooperativa, solidale. Al razzismo di Stato ed all’esclusione da indifferenza sostituiamo  lo Stato di diritto e la responsabilità e la testimonianza collettive. Non dobbiamo più aspettare....Gli immigrati  non possono aspettare.

(*) Questa nota interviene in adesione e sostegno da parte nostra della campagna “Lasciatecientrare” la più significativa fra quelle in corso per la riconquista del diritto di migrare e  la chiusura dei CIE e dei CARA. Vedi



Stampa il post

Scuola Itinerante

L'ECONOMIA DEI BENI COMUNI.
E’ possibile costruire una “eco-nomia” fondata sui beni comuni?
Tempo di conoscere per agire

14/12/'13 Sezano .
Cosa si intende per "beni comuni", "beni comuni pubblici" e per "economia dei beni comuni", elementi teorici e dall'esperienza collettiva sociale storica.
> I beni comuni. I nodi da sciogliere. (11.07.2014) > vedi

Info programma qui > Per iscrizioni scrivere a monasterodelbenecomune@gmail.com

18/01/'14 Sezano . "Cos'è il valore? Teorie e politiche, per comprendere i fondamenti della ricchezza/povertà e delle inuguaglianze"



“Dopo le elezioni europee: criticità, sfide e proposte”

Il denaro non può determinare il valore del tempo, del lavoro, della felicità, della conoscenza, dell'acqua. Quando questo succede il tempo, il lavoro, la felicità, la conoscenza, l'acqua muoiono.

Incontro del 28.06.2014 - Sezano (Verona)
- "Le tre criticità maggiori" nella prospettiva di influenzare la definizione delle priorità dell'Agenda politica europea
- "Le sfide principali per la Sinistra europea" in una prospettiva europea-mondiale e locale-nazionale italiana
- "Prime proposte di azioni prioritarie" per semestre italiano UE / Agenda europea 2014-2016
Sintesi dei risultati salienti a cura di Riccardo Petrella (vedi)
Contributi di integrazione

CAMPAGNA STOP TTIP ITALIA

La Campagna Stop TTIP Italia nasce a febbraio 2014 per coordinare organizzazioni, reti, realtà e territori che si oppongono all’approvazione del Trattato di Partenariato Transatlantico su commercio e Investimenti (TTIP)

> leggi

> aderisci alla campagna

> con i piedi per terra

PIERLUIGI DI PIAZZA

"Il mio nemico è l'indifferenza"
essere cristiani nel tempo del grande esodo
Ed. Laterza
Video (1)(2)(3)(4)(5)(6)
Domenica 5 giugno ore 17.00
Monastero Stimmatini Sezano
Paolo Bertezzolo in dialogo con Pierluigi Di Piazza
"Non ci si può dichiarare cristiani e prendere parte alle ingiustizie, professare il razzismo, accettare la discriminazione di omosessuali, nomadi, carcerati, migranti. Non ci si può dichiarare cristiani ed essere complici della distruzione e dell'usurpazione dell'ambiente. Non ci si può dichiarare cristiani aderendo solo a parole al nuovo corso di papa Francesco, perpetuando nei fatti l'antico vizio di strumentalizzare Dio senza voler cambiare nulla. "

Le parole delle donne

2-3-4 gennaio 2016
Presentazione di Silvano Nicoletto
Anna Maria Bigon (parte 1)-(parte 2)-(Premio Comuni Virtuosi)
Donata Gottardi (parte 1)-(parte 2)
Loredana Dal Corso (Prologo)-(parte 1)-(parte 2)-(parte 3)-(parte 4)
Rita Giaretta (Lettera)-(parte 1)-(parte 2)
Susanna Caniato (prologo)-(parte 1)

DIALOGUES AFRICA@EUROPA.IT

"Quando (bianchi, neri,indiani e meticci) ci liberiamo dalle nostre paure, la nostra presenza libera automaticamente tutti gli altri." (Nelson Mandela)
Manifesto dei dialoghi
l'Africa e l'Europa per un destino comune
temi: la cooperazione internazionale, il fenomeno della corruzione, il fenomeno migratorio dentro la relazione Africa- Europa, i corridoi umanitari, il problema dell'infanzia, sfruttamento delle risorse, la desertificazione, e deforestazione, agricoltura per la comunità e per l'esportazione (caffè, cacao, cotone, ...), il furto della terra e dell'acqua, dall'istruzione all'educazione, la volorizzazione dei talenti, la questione giovanile, la politica estera degli stati, conflitti e armamenti, la tratta e le nuove schiavitù, le donne e la comunità, mondo rurale e mondo urbano, le migrazioni climatiche....

Seminario sul pensiero di R.Panikkar

Pace
seminario con Maciej Bielawski
Monastero di Sezano
2014 -18 ott,
29 nov,
20 dic,
2015 - 17 gen, 28 feb, 21 mar, 11 apr, 23 mag, 13 giu
info e iscrizioni: monasterodelbenecomune@gmail.com
t. 3472256997


Eco-logia Forum

"Malcesine" - affresco di Maciej Bielawski

La semplice eco-logia non basta. C’è bisogno anche di un dialogo con la terra. Ho chiamato ecosofia questo atteggiamento di dialogo. La terra non è un mero oggetto, è anche un soggetto, un Tu per noi, con cui dobbiamo imparare a entrare in dialogo. Così potremo scoprire che ecosofia ha un certo ruolo rivelatorio. Il nostro dialogo con la terra può rivelare come stanno le cose”. (R.Panikkar)

Alla ricerca di una cultura ecologica per il nostro territorio”

con Maciej Bielawski, Francesca Bragaja e Cristina Stevanoni

Giovedì 26 febbraio 2015 - ore 20.45 – 22.30

La città come luogo di vita"

con Giorgio Massignan

Mercoledì 18 marzo 2015 - ore 20.45 – 22.30

Biodiversità. La comunità del vivente

con Maria Giovanna Braioni

Giovedì 16 aprile 2015 - ore 20.45 – 22.30

L'agricoltura contadina per la sovranità alimentare

con Francesco Benciolini

Giovedì 14 maggio 2015 - ore 20.45 – 22.30

L'energia della Terra

con Laura Agostini

Giovedì 11 giugno 2015 - ore 20.45 – 22.30

luogo degli incontri: Monastero degli Stimmatini di Sezano - via Mezzomonte 28, verona

info e iscrizioni: monasterodelbenecomune@gmail.com - c. 3472256997

SEGUICI SU

Archivio articoli del blog

I LIBRI del MONASTERO DEL BENE COMUNE

* LIBRI APERTI
"come un libro aperto. la mia semplice testimonianza" di Aurora Morelli, stampato in proprio, luglio 2011, 288 pagine.


* I QUADERNI DEL VIVERE INSIEME
quaderno n. 3 "LE FABBRICHE DELLA POVERTA' " Liberare la società dall'impoverimento. Opera collettiva, stampato in proprio, settembre 2013, pag. 136

quaderno n°2. "IL CAPITALISMO BLU. La predazione della vita " di R. Petrella, stampato in proprio, aprile 2011, 143 pagine.
quaderno n°1. "RES PUBLICA E BENI COMUNI. Pensare le rivoluzioni del XXI secolo", di R. Petrella, stampato in proprio, ottobre 2010,151 pagine.

I libri sono disponibili nella sede dell'Associazione o richiedendoli via mail.


Archivio AUDIO - VIDEO

"Dalle acque amare alle 12 sorgenti e 70 palme". Lettura sapienziale del Libro dell'Esodo, con Mons. G.M. Bregantini
-------------------------------------------------
Nuove relazioni a partire dalla casa di Maria e Giuseppe, con Maria Soave Buscemi
-------------------------------------------------
dai Poveri Illegali alla Illegalità della Povertà, con p.S. Nicoletto, R.Petrella, F.Mestrum
-------------------------------------------------
Attraverso il Sahara. Il viaggio dei migranti verso l'Italia, con J-P. Piessou e giovani immigrati africani
-------------------------------------------------
Uscire dall'angoscia: ascolto e accoglienza, con E.Drewermann
-------------------------------------------------
L'umanesimo biblico, con Carmine Di Sante
-------------------------------------------------
Raimon Panikkar, profeta tra le fedi
con Achille Rossi
-------------------------------------------------
Conoscere le Mafie per costruire Legalità e Responsabilità
Le mafie: fenomeni criminali e non solo audio (Pierpaolo Romani) La mafia di casa nostra, la mafia in casa nostra audio (Monica Zornetta)
Nord-Sud, alleanza per la legalità audio (Vincenzo Linarello)
Cosa Nostra, la mafia siciliana audio (Pierpaolo Romani)
-------------------------------------------------
Lettura de "Res Publica e Beni Comuni"
-------------------------------------------------
La fede degli atei e l'ateismo dei credenti
conversazioni con José Maria Castillo | 3/5.1.'11
-------------------------------------------------
Abitare il Pianeta Errante
conversazioni con Antonietta Potente | 5.12.'10
-------------------------------------------------
Stranieri e Pellegrini, figli di Abramo
con p.Paolo Dall'Oglio e Hamza Piccardo | 9.1.'10

------------------------------------------------ Il sussulto del Diritto per i Diritto con Giancarlo Caselli | 9.1.'10 vedi video

© 2009-2011 Copyright Associazione Monastero del Bene. Per riprodurre i contenuti richiedere autorizzazione al webmaster

Powered by AMAZZER - Vai aINIZIO PAGINA