L'Associazione Monastero del Bene Comune
è nata nel luglio 2009 presso l'antico monastero di Sezano, da un gruppo di persone che hanno a cuore la promozione della convivenza umana nella “città del vivere insieme”.

"L'umanità non è semplicemente l'insieme degli esseri umani, ma sono gli esseri umani che vivono insieme" (Riccardo Petrella).


SOSTIENI L'ASSOCIAZIONE


da Alex Zanotelli - Dentro la violenza. Generando speranza

MISSIONE A NAPOLI/2 - 27 maggio 2016
                                                 
DENTRO LA VIOLENZA, GENERANDO SPERANZA

A Napoli stiamo assistendo ad una drammatica spirale di violenza: un morto ogni tre giorni. In questo periodo l’epicentro di questa violenza omicida è proprio il rione Sanità, periferia ‘interna’ di Napoli. E la ragione di tale violenza è che Napoli è diventata la più grande piazza di droga in Europa. Noi dal basso abbiamo tentato di rispondere a questa violenza con un “Popolo in cammino”, una realtà ancora fragile  e in costruzione, nata dopo l’uccisione il 6 settembre di Genny, un ragazzino di 17 anni del rione Sanità.  “Un popolo in cammino” riunisce sia i parroci delle zone a rischio di Napoli che le varie organizzazioni operanti sul territorio. In una lettera inviata lo scorso 5 dicembre a Renzi, “Un popolo in cammino” chiede per la Napoli ‘malamente’, ove regna una grave situazione sociale, tre cose: un intervento governativo strutturale e a lungo termine per le scuole, sicurezza sia territoriale come sociale, ed infine lavoro inedito  per i giovani (al Sud la disoccupazione giovanile raggiunge il 70% !).
 Il portavoce di “Un popolo in cammino” era un giovane prete, don Enzo Liardo(45 anni), parroco di S. Giovanni a Teduccio. Ci è stato strappato da una cardiopatia il 25 gennaio 2015. “Siamo partiti dal dolore per la morte di Genny- scriveva pochi giorni prima di morire don Enzo in un editoriale del Mattino di Napoli- e ci auguriamo di generare speranza. Non vogliamo fare i politici, ma agire in modo politico, nel senso più profondo del termine, cioè cittadini attivi, in grado di condizionare la vita della nostra città, non in virtù del vile interesse, ma nella ricerca del bene comune. Scusatemi, mi correggo, vogliamo fare politica. Vogliamo ripristinare la politica perché la facciano tutti, perché tutti si sentano interessati al bene comune.” “Un popolo in cammino” ha continuato su questa strada. Dopo la manifestazione del 5 dicembre 2015 , abbiamo dovuto aspettare due mesi, il 19 febbraio, prima di essere convocati dal Prefetto , che si è impegnato a convocare un Tavolo tecnico per affrontare il problema delle scuole. Ci è sembrato un po’ poco davanti alle nostre pressanti richieste. Il Tavolo tecnico si è tenuto in Prefettura il 10 marzo con i vari rappresentanti istituzionali per le scuole, ma ne siamo usciti non molto soddisfatti. Infatti stavamo già pensando di alzare il tiro andando a maggio direttamente a Roma con una decina di pullman per portare le nostre istanze davanti al governo, che non può non ascoltare le nostre giuste rivendicazioni per rispondere al degrado sociale e alla violenza. Una violenza paurosa che ci è di nuovo esplosa fra le mani. Il 22 aprile nuovo sangue scorre per le vie del rione Sanità. Un comando entra verso sera al circolo Maria S.ma dell’Arco in via Fontanelle e uccide due uomini,Giuseppe Vastarella del clan omonimo e Salvatore Vigna(incensurato, cognato di Vastarella) e ne ferisce altri tre. Una strage a sangue freddo contro il clan Vastarella che con l’aiuto dei Lo Russo di Miano(nord di Napoli) stava emergendo vittorioso alla Sanità. Era stato infatti il clan Vastarella ad uccidere lo scorso anno , il 6 gennaio 2015, Ciro Esposito, ventisettenne e, poi il 14 novembre suo padre ‘Pierino’ Esposito, alleato dei Mallo di Scampia. Ricordo ancora con orrore quando in pieno giorno, un sabato , alle h 16,30 un commando freddò Pierino sulla sua moto. Quando udii le urla della  gente, scesi in piazza e mi trovai davanti ‘Pierino’ con la faccia sull’asfalto. Lo ricoprii con un lenzuolo. Rimasi a lungo a fianco del corpo di Pierino. Vicino a me c’era la moglie di Pierino, Addolorata Spina, che inveiva contro chi aveva ammazzato il marito. Rabbia che si è subito trasformata in voglia di vendetta quando il clan Vastarella , ‘vittorioso’, forzò tutta la famiglia Esposito ad andarsene dal rione, distruggendo le porte delle loro case. Sia Addolorata(‘Dora’) che Enza Esposito, la moglie di suo figlio Antonio Genidoni (avuto da un precedente matrimonio), sono state costrette a emigrare a Chiaiano(nord di Napoli). E lì meditano la vendetta, una vendetta spietata.”I maledetti devono pagare”, grida Dora. Il problema è trovare un killer. La mamma pensa al figlio Antonio, il quale però è agli arresti domiciliari a Milano. (I carabinieri avevano messo le cimici nella sua abitazione). Ma Antonio non si decide a compiere la strage. “Se tu mi metti a me cinquemila euro sulla tavola-gli dice Dora al telefono- io te lo faccio!” Antonio alla fine si convince. Con un permesso del Tribunale di sorveglianza, Antonio ritorna a Napoli ad organizzare la strage dei Vastarella e convince Emanuele Esposito di 22 anni (il fidanzato della nipote di Dora) a eseguire la strage. Il 22 aprile Emanuele, in via Fontanelle, porta a termine la strage, ma non riesce ad uccidere il boss, Patrizio Vastarella.”Sfortunatamente non abbiamo preso il perno principale-Dora così lo rimprovera. Dovete colpire al cuore e fargli sentire lo stesso dolore che ho provato io.” Emanuele nel frattempo aveva raggiunto Antonio a Milano. Il 7 maggio saranno invece gli altri a rispondere uccidendo nella sua officina meccanica a Marano (nord di Napoli), Giuseppe Esposito insieme con suo figlio Filippo, padre e fratello di Emanuele, il killer delle Fontanelle. Quando Emanuele viene a sapere dell’eccidio, disperato urla:”Mò piglio le bombe e gliele butto in casa. Uccido pure i loro figli, ammazzo pure i bambini di quattro-cinque anni!”
E’ il ciclo irrefrenabile della violenza, che domanda nuovo sangue. E dietro a questa guerra in atto ,ci sono altri due clan a nord di Napoli che vogliono mettere le mani sul rione Sanità: i lo Russo (“capitoni” di Miano) e i Mallo ‘mergenti’ (Scampia). Particolarmente agguerrito è il boss dei ‘ mergenti’ Walter Mallo di soli 26 anni, che era stato cacciato dalla Sanità dopo l’uccisione di Pierino Esposito ed ora vuole sconfiggere i Lo Russo. Il 26 aprile Walter subisce un agguato a Miano, quando sette uomini gli sparano addosso , ferendolo alle braccia e di striscio alla pancia. “Non sanno neanche sparare, questi mongoloidi”- commenta Walter.
Il 28 aprile i Mallo uccidono a Miano Aniello Di Napoli, uomo dei Lo Russo. E’ guerra spietata. La Polizia arresta il 5 maggio Walter Mallo, scovato in un casa , occupata abusivamente, al rione Don Guanella, dove viveva assieme ai suoi fedelissimi e ad un pitone. “Stanno facendo grossi guai- si sfoga la madre di Walter(intercettata dalla polizia)-, una bambina di 4 anni stavano colpendo….Loro sono boss, tutto comandano..”  Walter è un eroe nella “camorra social”. E il 9 maggio la Polizia interviene ancora arrestando a Milano Antonio Genidoni e Emanuele Esposito. Ma allo stesso tempo arresta a Chiaiano anche le due donne boss:Addolorata Spina e Enza Esposito.
L’eruzione di una così spaventosa violenza in questi quartieri ci ha profondamente interpellati. E ci ha spinti ad un maggior impegno per risolvere il dramma sociale dei nostri quartieri.Per questo quando abbiamo saputo che il presidente del Consiglio Renzi sarebbe stato a Napoli il 24 aprile, abbiamo deciso di incontrarlo per chiedergli una risposta alle tre richieste contenute nella lettera che gli avevamo inviato tramite la Prefettura. Due parroci, don Antonio Loffredo, parroco della Sanità e don Angelo Berselli, parroco di Forcella,nuovo portavoce di “Un popolo in cammino”, sono andati a parlargli.(Non potevo partecipare all’incontro perché non potevo parlare a Renzi, il privatizzatore dell’acqua !) Renzi ha promesso un pronto intervento sulle scuole di Napoli, promettendo quattro milioni di euro per tenere aperte le scuole d’estate nelle zone più a rischio della città, ma anche un intervento a lungo termine. Siamo grati per questo regalo, ma siamo ben lontani da quanto stiamo chiedendo. Per me sono ‘ noccioline americane’. Per ora abbiamo deciso di sospendere le nostre iniziative pubbliche perché siamo in piena campagna elettorale per l’elezione del sindaco. Abbiamo però già deciso che a fine giugno terremo tre assemblee popolari, una a Scampia, una a Ponticelli(Napoli est) e una al centro di Napoli. Abbiamo bisogno di riprendere il dialogo con il popolo. Il nostro deve essere un movimento popolare .  In autunno riprenderemo la pressione sul governo perché metta in atto un intervento strutturale a lungo termine sulla scuola, sicurezza e lavoro giovani. Chiediamo un massiccio intervento per rispondere alla drammatica bomba sociale e alla spaventosa violenza in crescendo a Napoli. “E’ bene ricordare la frammentazione dei clan napoletani-afferma il professore Isaia Sales- e si accompagna ad un potenziale di violenza ancora maggiore rispetto ai più strutturati clan mafiosi o dei casalesi ,perché è una violenza non sottoposta a nessuna disciplina, a nessuan strategia, a nessuna mitigazione.” E ammonisce :”Che i clan della camorra napoletana non abbiano strategie unitarie non vuol dire che non possono alzare il tiro come è avvenuto nella sparatoria contro la caserma dei carabinieri di Secondigliano. La conflittualità interna potrebbe scaricarsi contro le istituzioni repressive.” E che i clan stiano alzando il tiro non è evidenziato solo dalla sparatoria contro la caserma dei carabinieri di Secondigliano, ma dalla recente notizia che i clan di Scampia avevano preparato mezzo chilo di tritolo per far saltare in aria il procuratore generale di Napoli, Giovanni Colangelo. E per chi avrebbe eseguito la strage, trecentomila euro come ricompensa.
Anche noi “Popolo in cammino” dobbiamo alzare il tiro premendo sullo Stato per un Piano Marshall per Napoli e il Sud, ma anche sulle istituzioni regionali, provinciali e comunali perché si impegnino di più per i settori impoveriti ed emarginati.
La nostra piccola comunità del campanile (Felicetta, p.Arcadio e il sottoscritto) è decisa a camminare con la gente della Sanità che vive questo momento di grande violenza. (Sono molti che mi fermano per strada esortandomi a stare attento, a non espormi troppo!). E continueremo a impegnarci, pur dentro la violenza, a  “ generare speranza.”


                                                                                         Alex Zanotelli

     
Napoli, 27 maggio 2016                                            
Stampa il post

Scuola Itinerante

L'ECONOMIA DEI BENI COMUNI.
E’ possibile costruire una “eco-nomia” fondata sui beni comuni?
Tempo di conoscere per agire

14/12/'13 Sezano .
Cosa si intende per "beni comuni", "beni comuni pubblici" e per "economia dei beni comuni", elementi teorici e dall'esperienza collettiva sociale storica.
> I beni comuni. I nodi da sciogliere. (11.07.2014) > vedi

Info programma qui > Per iscrizioni scrivere a monasterodelbenecomune@gmail.com

18/01/'14 Sezano . "Cos'è il valore? Teorie e politiche, per comprendere i fondamenti della ricchezza/povertà e delle inuguaglianze"



“Dopo le elezioni europee: criticità, sfide e proposte”

Il denaro non può determinare il valore del tempo, del lavoro, della felicità, della conoscenza, dell'acqua. Quando questo succede il tempo, il lavoro, la felicità, la conoscenza, l'acqua muoiono.

Incontro del 28.06.2014 - Sezano (Verona)
- "Le tre criticità maggiori" nella prospettiva di influenzare la definizione delle priorità dell'Agenda politica europea
- "Le sfide principali per la Sinistra europea" in una prospettiva europea-mondiale e locale-nazionale italiana
- "Prime proposte di azioni prioritarie" per semestre italiano UE / Agenda europea 2014-2016
Sintesi dei risultati salienti a cura di Riccardo Petrella (vedi)
Contributi di integrazione

CAMPAGNA STOP TTIP ITALIA

La Campagna Stop TTIP Italia nasce a febbraio 2014 per coordinare organizzazioni, reti, realtà e territori che si oppongono all’approvazione del Trattato di Partenariato Transatlantico su commercio e Investimenti (TTIP)

> leggi

> aderisci alla campagna

> con i piedi per terra

PIERLUIGI DI PIAZZA

"Il mio nemico è l'indifferenza"
essere cristiani nel tempo del grande esodo
Ed. Laterza
Video (1)(2)(3)(4)(5)(6)
Domenica 5 giugno ore 17.00
Monastero Stimmatini Sezano
Paolo Bertezzolo in dialogo con Pierluigi Di Piazza
"Non ci si può dichiarare cristiani e prendere parte alle ingiustizie, professare il razzismo, accettare la discriminazione di omosessuali, nomadi, carcerati, migranti. Non ci si può dichiarare cristiani ed essere complici della distruzione e dell'usurpazione dell'ambiente. Non ci si può dichiarare cristiani aderendo solo a parole al nuovo corso di papa Francesco, perpetuando nei fatti l'antico vizio di strumentalizzare Dio senza voler cambiare nulla. "

Le parole delle donne

2-3-4 gennaio 2016
Presentazione di Silvano Nicoletto
Anna Maria Bigon (parte 1)-(parte 2)-(Premio Comuni Virtuosi)
Donata Gottardi (parte 1)-(parte 2)
Loredana Dal Corso (Prologo)-(parte 1)-(parte 2)-(parte 3)-(parte 4)
Rita Giaretta (Lettera)-(parte 1)-(parte 2)
Susanna Caniato (prologo)-(parte 1)

DIALOGUES AFRICA@EUROPA.IT

"Quando (bianchi, neri,indiani e meticci) ci liberiamo dalle nostre paure, la nostra presenza libera automaticamente tutti gli altri." (Nelson Mandela)
Manifesto dei dialoghi
l'Africa e l'Europa per un destino comune
temi: la cooperazione internazionale, il fenomeno della corruzione, il fenomeno migratorio dentro la relazione Africa- Europa, i corridoi umanitari, il problema dell'infanzia, sfruttamento delle risorse, la desertificazione, e deforestazione, agricoltura per la comunità e per l'esportazione (caffè, cacao, cotone, ...), il furto della terra e dell'acqua, dall'istruzione all'educazione, la volorizzazione dei talenti, la questione giovanile, la politica estera degli stati, conflitti e armamenti, la tratta e le nuove schiavitù, le donne e la comunità, mondo rurale e mondo urbano, le migrazioni climatiche....

Seminario sul pensiero di R.Panikkar

Pace
seminario con Maciej Bielawski
Monastero di Sezano
2014 -18 ott,
29 nov,
20 dic,
2015 - 17 gen, 28 feb, 21 mar, 11 apr, 23 mag, 13 giu
info e iscrizioni: monasterodelbenecomune@gmail.com
t. 3472256997


Eco-logia Forum

"Malcesine" - affresco di Maciej Bielawski

La semplice eco-logia non basta. C’è bisogno anche di un dialogo con la terra. Ho chiamato ecosofia questo atteggiamento di dialogo. La terra non è un mero oggetto, è anche un soggetto, un Tu per noi, con cui dobbiamo imparare a entrare in dialogo. Così potremo scoprire che ecosofia ha un certo ruolo rivelatorio. Il nostro dialogo con la terra può rivelare come stanno le cose”. (R.Panikkar)

Alla ricerca di una cultura ecologica per il nostro territorio”

con Maciej Bielawski, Francesca Bragaja e Cristina Stevanoni

Giovedì 26 febbraio 2015 - ore 20.45 – 22.30

La città come luogo di vita"

con Giorgio Massignan

Mercoledì 18 marzo 2015 - ore 20.45 – 22.30

Biodiversità. La comunità del vivente

con Maria Giovanna Braioni

Giovedì 16 aprile 2015 - ore 20.45 – 22.30

L'agricoltura contadina per la sovranità alimentare

con Francesco Benciolini

Giovedì 14 maggio 2015 - ore 20.45 – 22.30

L'energia della Terra

con Laura Agostini

Giovedì 11 giugno 2015 - ore 20.45 – 22.30

luogo degli incontri: Monastero degli Stimmatini di Sezano - via Mezzomonte 28, verona

info e iscrizioni: monasterodelbenecomune@gmail.com - c. 3472256997

SEGUICI SU

Archivio articoli del blog

I LIBRI del MONASTERO DEL BENE COMUNE

* LIBRI APERTI
"come un libro aperto. la mia semplice testimonianza" di Aurora Morelli, stampato in proprio, luglio 2011, 288 pagine.


* I QUADERNI DEL VIVERE INSIEME
quaderno n. 3 "LE FABBRICHE DELLA POVERTA' " Liberare la società dall'impoverimento. Opera collettiva, stampato in proprio, settembre 2013, pag. 136

quaderno n°2. "IL CAPITALISMO BLU. La predazione della vita " di R. Petrella, stampato in proprio, aprile 2011, 143 pagine.
quaderno n°1. "RES PUBLICA E BENI COMUNI. Pensare le rivoluzioni del XXI secolo", di R. Petrella, stampato in proprio, ottobre 2010,151 pagine.

I libri sono disponibili nella sede dell'Associazione o richiedendoli via mail.


Archivio AUDIO - VIDEO

"Dalle acque amare alle 12 sorgenti e 70 palme". Lettura sapienziale del Libro dell'Esodo, con Mons. G.M. Bregantini
-------------------------------------------------
Nuove relazioni a partire dalla casa di Maria e Giuseppe, con Maria Soave Buscemi
-------------------------------------------------
dai Poveri Illegali alla Illegalità della Povertà, con p.S. Nicoletto, R.Petrella, F.Mestrum
-------------------------------------------------
Attraverso il Sahara. Il viaggio dei migranti verso l'Italia, con J-P. Piessou e giovani immigrati africani
-------------------------------------------------
Uscire dall'angoscia: ascolto e accoglienza, con E.Drewermann
-------------------------------------------------
L'umanesimo biblico, con Carmine Di Sante
-------------------------------------------------
Raimon Panikkar, profeta tra le fedi
con Achille Rossi
-------------------------------------------------
Conoscere le Mafie per costruire Legalità e Responsabilità
Le mafie: fenomeni criminali e non solo audio (Pierpaolo Romani) La mafia di casa nostra, la mafia in casa nostra audio (Monica Zornetta)
Nord-Sud, alleanza per la legalità audio (Vincenzo Linarello)
Cosa Nostra, la mafia siciliana audio (Pierpaolo Romani)
-------------------------------------------------
Lettura de "Res Publica e Beni Comuni"
-------------------------------------------------
La fede degli atei e l'ateismo dei credenti
conversazioni con José Maria Castillo | 3/5.1.'11
-------------------------------------------------
Abitare il Pianeta Errante
conversazioni con Antonietta Potente | 5.12.'10
-------------------------------------------------
Stranieri e Pellegrini, figli di Abramo
con p.Paolo Dall'Oglio e Hamza Piccardo | 9.1.'10

------------------------------------------------ Il sussulto del Diritto per i Diritto con Giancarlo Caselli | 9.1.'10 vedi video

© 2009-2011 Copyright Associazione Monastero del Bene. Per riprodurre i contenuti richiedere autorizzazione al webmaster

Powered by AMAZZER - Vai aINIZIO PAGINA