L'Associazione Monastero del Bene Comune
è nata nel luglio 2009 presso l'antico monastero di Sezano, da un gruppo di persone che hanno a cuore la promozione della convivenza umana nella “città del vivere insieme”.

"L'umanità non è semplicemente l'insieme degli esseri umani, ma sono gli esseri umani che vivono insieme" (Riccardo Petrella).


SOSTIENI L'ASSOCIAZIONE


Progetto Contadini Resistenti


Attaccati alla terra come le radici degli ulivi 
 Il Progetto “contadini resistenti” nasce dall’idea di solidarietà da parte di alcune associazioni e piccole realtà contadine venete con i villaggi a sud di Hebron, i quali soffrono di tutta una serie di problemi che rendono la vita di questi contadini veramente difficile, si va dall’occupazione militare alle colonie ebraiche, fondate sulle loro terre, dalla confisca delle poche risorse idriche alla distruzione sistematica delle case, scuole, moschee, abbattimento degli ulivi e distruzione delle colture… tutto questo si somma alle già difficili condizioni climatiche e desertiche della regione che rendono l’attività agricola molto precaria.
Di seguito una scheda di presentazione della situazione di questi contadini e la proposta per ospitarli per un incontro.



Nella Cisgiordania occupata, tra le colline a sud di Hebron, 12 villaggi rurali resistono a un tentativo di evacuazione che prosegue da oltre 15 anni, scegliendo la resistenza nonviolenta contro le forze di occupazione israeliane. Una zona bellissima e rurale che ha la sfortuna – tra le altre – di confinare con la Green Line, e sulla quale l’amministrazione civile israeliana non ha esitato ad imporre lo status di ‘area militare’ adibita alle esercitazioni. 
È la "Firing zone 918", secondo la spartizione degli Accordi di Oslo in area C – quindi sottoposta a controllo militare e civile israeliano – nella quale ai suoi abitanti è vietato costruire qualsiasi ‘struttura permanente’: che sia una casa, una moschea, una scuola. O un pozzo per la raccolta dell’acqua, necessario alla sopravvivenza. 
Firing Zone 918’: una storia lunga 40 anni 
La condizione in cui si trovano a vivere le comunità dei villaggi dislocati tra le colline a sud di Hebron è il risultato di oltre 40 anni di politiche militari israeliane, mirate ad assumere il controllo di una zona considerata ‘strategica’, soprattutto per la sua prossimità con la Green Line
Già dagli anni Settanta Masafer Yatta viene dichiarata "zone militare chiusa", ma la sua storia inizia nel 1999 quando vengono avviate le demolizioni forzate e partono i primi ordini di evacuazione, emessi dai tribunali israeliani su disposizione dell’Israeli Land Administration (ILA) e del ministero della Difesa, che considera quell’area ‘d’interesse strategico vitale’ per le esercitazioni militari ordinarie e straordinarie, come quelle intraprese in seguito alla disfatta in Libano. 
Gli abitanti vengono trasferiti oltre la bypass road 317, una delle tante strade ad uso esclusivo dei coloni, costruita per collegare gli insediamenti illegali e contemporaneamente tagliare ogni contatto diretto tra i villaggi in cui risiedono le comunità palestinesi.
In seguito, alla strada si aggiungerà anche un tratto di Muro, in un’operazione che di fatto isola tutta l’area dal resto della Cisgiordania. 
Mentre i villaggi vengono evacuati e le umili strutture abitative demolite, intorno ai resti dei villaggi crescono, rapidamente, gli insediamenti israeliani di Ma’on, Susyia, Karmel e Mezadot Yehuda, forniti delle più moderne infrastrutture, e abitati da coloni particolarmente aggressivi i quali non esitano ad attaccare persino i bambini che dai vari villaggi si recano all’unica scuola in At-Twani., Bruciano i raccolti, tagliano gli ulivi, avvelenano le pecore….
Tra ottobre e novembre 1999 vengono confiscate le terre e le proprietà, e le ruspe ricoprono i pozzi d’acqua e gli ingressi delle grotte di chi una casa non l’aveva neanche allora. E più di 1000 persone vengono deportate al di la della road 317….
Il messaggio è chiaro: quelle terre servono allo Stato di Israele per ‘tenere in forma’ le forze armate, nonostante la comunità palestinese le abiti da sempre, come dimostrano i documenti di proprietà divenuti carta straccia. 
Le comunità non restano a guardare: numerosi ricorsi vengono presentati alla Corte suprema israeliana, che alla fine dà loro ragione. Ma solo in parte. Nei primi mesi del 2000 infatti una sentenza stabilisce che, mentre i ricorsi vengono esaminati, gli abitanti possano tornare temporaneamente alle proprie terre, senza tuttavia poter costruire alcun tipo di infrastruttura di tipo "permanente". 
Cinque anni dopo il processo di arbitrato si conclude senza un accordo. La comunità palestinese, nel frattempo, si è organizzata: le case vengono ricostruite, si sceglie la resistenza nonviolenta. 
Nasce il Comitato Popolare delle Colline a sud di Hebron, che con la collaborazione di israeliani e internazionali:
"Abbiamo scelto di non utilizzare armi", spiega Mahmoud. "Di lottare a mani nude e con il cuore sotto il sole, resistendo in modo nonviolento contro l’esercito. E continueremo sempre a farlo".
Una lotta che sembra senza fine. Nel luglio del 2012 l’allora ministro della Difesa, Ehud Barak, ha informato la Corte Suprema che il governo ha preso una "decisione irrevocabile": 8 dei 12 villaggi dell’area dovranno essere  demoliti nel giro dei prossimi anni.
"Continueremo a lottare fino al pieno riconoscimento dei nostri diritti con tutti i mezzi pacifici che abbiamo a disposizione. Non ce ne andremo mai, quella è la nostra terra", ribadiscono i contadini del comitato popolare di resistenza. Quando arrivano le ruspe dell’esercito di occupazione, è da lì che partono. Perché "quando distruggi un pozzo, una casa…il recinto delle pecore distruggi la vita di tutto il villaggio" racconta Mahmoud, cercando di spiegare cosa voglia dire vivere in una grotta senza elettricità, in un’area circondata da coloni che attaccano continuamente. Terrorizzando, intimorendo, avvelenando i campi e il bestiame.
Negli ultimi anni ha perso 100 pecore in questo modo, e la parola che usa di più per raccontare la sua vita è "Sumud": il termine arabo che indica la ‘fermezza’, quella capacità palestinese di resistere contro l’oppressione restando attaccati alla terra come le radici degli alberi di ulivo. 


LA PROPOSTA:
L’idea è quella di portare una piccola rappresentanza (2/3 persone) di questi contadini resistenti qui in Italia e quindi attraverso incontri con la popolazione far conoscere direttamente dalla loro diretta testimonianza la situazione in cui vivono e le scelte di lotta da loro adottate.
Noi di Verona abbiamo già messo in piedi un incontro per l’11 settembre.
Si cercano altre realtà disponibili ad organizzare serate, in altre parti d’Italia, con la loro testimonianza.

(La mappa mostra la posizione dell'area di Masafer Yatta, Quella in nero sarebbe il confine ,con costruzione definitiva del muro, che Israele vuole realizzare. Quella in verde il confine legale decretato dall’Onu. In rosso la firing zone 918 da evacuare completamente


Stampa il post

Scuola Itinerante

L'ECONOMIA DEI BENI COMUNI.
E’ possibile costruire una “eco-nomia” fondata sui beni comuni?
Tempo di conoscere per agire

14/12/'13 Sezano .
Cosa si intende per "beni comuni", "beni comuni pubblici" e per "economia dei beni comuni", elementi teorici e dall'esperienza collettiva sociale storica.
> I beni comuni. I nodi da sciogliere. (11.07.2014) > vedi

Info programma qui > Per iscrizioni scrivere a monasterodelbenecomune@gmail.com

18/01/'14 Sezano . "Cos'è il valore? Teorie e politiche, per comprendere i fondamenti della ricchezza/povertà e delle inuguaglianze"



“Dopo le elezioni europee: criticità, sfide e proposte”

Il denaro non può determinare il valore del tempo, del lavoro, della felicità, della conoscenza, dell'acqua. Quando questo succede il tempo, il lavoro, la felicità, la conoscenza, l'acqua muoiono.

Incontro del 28.06.2014 - Sezano (Verona)
- "Le tre criticità maggiori" nella prospettiva di influenzare la definizione delle priorità dell'Agenda politica europea
- "Le sfide principali per la Sinistra europea" in una prospettiva europea-mondiale e locale-nazionale italiana
- "Prime proposte di azioni prioritarie" per semestre italiano UE / Agenda europea 2014-2016
Sintesi dei risultati salienti a cura di Riccardo Petrella (vedi)
Contributi di integrazione

CAMPAGNA STOP TTIP ITALIA

La Campagna Stop TTIP Italia nasce a febbraio 2014 per coordinare organizzazioni, reti, realtà e territori che si oppongono all’approvazione del Trattato di Partenariato Transatlantico su commercio e Investimenti (TTIP)

> leggi

> aderisci alla campagna

> con i piedi per terra

PIERLUIGI DI PIAZZA

"Il mio nemico è l'indifferenza"
essere cristiani nel tempo del grande esodo
Ed. Laterza
Video (1)(2)(3)(4)(5)(6)
Domenica 5 giugno ore 17.00
Monastero Stimmatini Sezano
Paolo Bertezzolo in dialogo con Pierluigi Di Piazza
"Non ci si può dichiarare cristiani e prendere parte alle ingiustizie, professare il razzismo, accettare la discriminazione di omosessuali, nomadi, carcerati, migranti. Non ci si può dichiarare cristiani ed essere complici della distruzione e dell'usurpazione dell'ambiente. Non ci si può dichiarare cristiani aderendo solo a parole al nuovo corso di papa Francesco, perpetuando nei fatti l'antico vizio di strumentalizzare Dio senza voler cambiare nulla. "

Le parole delle donne

2-3-4 gennaio 2016
Presentazione di Silvano Nicoletto
Anna Maria Bigon (parte 1)-(parte 2)-(Premio Comuni Virtuosi)
Donata Gottardi (parte 1)-(parte 2)
Loredana Dal Corso (Prologo)-(parte 1)-(parte 2)-(parte 3)-(parte 4)
Rita Giaretta (Lettera)-(parte 1)-(parte 2)
Susanna Caniato (prologo)-(parte 1)

DIALOGUES AFRICA@EUROPA.IT

"Quando (bianchi, neri,indiani e meticci) ci liberiamo dalle nostre paure, la nostra presenza libera automaticamente tutti gli altri." (Nelson Mandela)
Manifesto dei dialoghi
l'Africa e l'Europa per un destino comune
temi: la cooperazione internazionale, il fenomeno della corruzione, il fenomeno migratorio dentro la relazione Africa- Europa, i corridoi umanitari, il problema dell'infanzia, sfruttamento delle risorse, la desertificazione, e deforestazione, agricoltura per la comunità e per l'esportazione (caffè, cacao, cotone, ...), il furto della terra e dell'acqua, dall'istruzione all'educazione, la volorizzazione dei talenti, la questione giovanile, la politica estera degli stati, conflitti e armamenti, la tratta e le nuove schiavitù, le donne e la comunità, mondo rurale e mondo urbano, le migrazioni climatiche....

Seminario sul pensiero di R.Panikkar

Pace
seminario con Maciej Bielawski
Monastero di Sezano
2014 -18 ott,
29 nov,
20 dic,
2015 - 17 gen, 28 feb, 21 mar, 11 apr, 23 mag, 13 giu
info e iscrizioni: monasterodelbenecomune@gmail.com
t. 3472256997


Eco-logia Forum

"Malcesine" - affresco di Maciej Bielawski

La semplice eco-logia non basta. C’è bisogno anche di un dialogo con la terra. Ho chiamato ecosofia questo atteggiamento di dialogo. La terra non è un mero oggetto, è anche un soggetto, un Tu per noi, con cui dobbiamo imparare a entrare in dialogo. Così potremo scoprire che ecosofia ha un certo ruolo rivelatorio. Il nostro dialogo con la terra può rivelare come stanno le cose”. (R.Panikkar)

Alla ricerca di una cultura ecologica per il nostro territorio”

con Maciej Bielawski, Francesca Bragaja e Cristina Stevanoni

Giovedì 26 febbraio 2015 - ore 20.45 – 22.30

La città come luogo di vita"

con Giorgio Massignan

Mercoledì 18 marzo 2015 - ore 20.45 – 22.30

Biodiversità. La comunità del vivente

con Maria Giovanna Braioni

Giovedì 16 aprile 2015 - ore 20.45 – 22.30

L'agricoltura contadina per la sovranità alimentare

con Francesco Benciolini

Giovedì 14 maggio 2015 - ore 20.45 – 22.30

L'energia della Terra

con Laura Agostini

Giovedì 11 giugno 2015 - ore 20.45 – 22.30

luogo degli incontri: Monastero degli Stimmatini di Sezano - via Mezzomonte 28, verona

info e iscrizioni: monasterodelbenecomune@gmail.com - c. 3472256997

SEGUICI SU

Archivio articoli del blog

I LIBRI del MONASTERO DEL BENE COMUNE

* LIBRI APERTI
"come un libro aperto. la mia semplice testimonianza" di Aurora Morelli, stampato in proprio, luglio 2011, 288 pagine.


* I QUADERNI DEL VIVERE INSIEME
quaderno n. 3 "LE FABBRICHE DELLA POVERTA' " Liberare la società dall'impoverimento. Opera collettiva, stampato in proprio, settembre 2013, pag. 136

quaderno n°2. "IL CAPITALISMO BLU. La predazione della vita " di R. Petrella, stampato in proprio, aprile 2011, 143 pagine.
quaderno n°1. "RES PUBLICA E BENI COMUNI. Pensare le rivoluzioni del XXI secolo", di R. Petrella, stampato in proprio, ottobre 2010,151 pagine.

I libri sono disponibili nella sede dell'Associazione o richiedendoli via mail.


Archivio AUDIO - VIDEO

"Dalle acque amare alle 12 sorgenti e 70 palme". Lettura sapienziale del Libro dell'Esodo, con Mons. G.M. Bregantini
-------------------------------------------------
Nuove relazioni a partire dalla casa di Maria e Giuseppe, con Maria Soave Buscemi
-------------------------------------------------
dai Poveri Illegali alla Illegalità della Povertà, con p.S. Nicoletto, R.Petrella, F.Mestrum
-------------------------------------------------
Attraverso il Sahara. Il viaggio dei migranti verso l'Italia, con J-P. Piessou e giovani immigrati africani
-------------------------------------------------
Uscire dall'angoscia: ascolto e accoglienza, con E.Drewermann
-------------------------------------------------
L'umanesimo biblico, con Carmine Di Sante
-------------------------------------------------
Raimon Panikkar, profeta tra le fedi
con Achille Rossi
-------------------------------------------------
Conoscere le Mafie per costruire Legalità e Responsabilità
Le mafie: fenomeni criminali e non solo audio (Pierpaolo Romani) La mafia di casa nostra, la mafia in casa nostra audio (Monica Zornetta)
Nord-Sud, alleanza per la legalità audio (Vincenzo Linarello)
Cosa Nostra, la mafia siciliana audio (Pierpaolo Romani)
-------------------------------------------------
Lettura de "Res Publica e Beni Comuni"
-------------------------------------------------
La fede degli atei e l'ateismo dei credenti
conversazioni con José Maria Castillo | 3/5.1.'11
-------------------------------------------------
Abitare il Pianeta Errante
conversazioni con Antonietta Potente | 5.12.'10
-------------------------------------------------
Stranieri e Pellegrini, figli di Abramo
con p.Paolo Dall'Oglio e Hamza Piccardo | 9.1.'10

------------------------------------------------ Il sussulto del Diritto per i Diritto con Giancarlo Caselli | 9.1.'10 vedi video

© 2009-2011 Copyright Associazione Monastero del Bene. Per riprodurre i contenuti richiedere autorizzazione al webmaster

Powered by AMAZZER - Vai aINIZIO PAGINA