L'Associazione Monastero del Bene Comune
è nata nel luglio 2009 presso l'antico monastero di Sezano, da un gruppo di persone che hanno a cuore la promozione della convivenza umana nella “città del vivere insieme”.

"L'umanità non è semplicemente l'insieme degli esseri umani, ma sono gli esseri umani che vivono insieme" (Riccardo Petrella).


SOSTIENI L'ASSOCIAZIONE


Breve nota sulla democrazia partecipata/deliberativa

Le forme possibili di partecipazione dei cittadini al governo dell'acqua di Riccardo Petrella (Università del Bene Comune e Institut Européen de Recherche sur la Politique de l’Eau)
Cosa si intende per « partecipazione dei cittadini » alla « res publica » ?
Negli ultimi ventanni, i limiti evidenti della democrazia rappresentativa (il popolo esercita il potere decisionale attraverso dei rappresentati eletti – istituzioni parlamentari – e/o cooptati – istituzioni governative, salvo repubbliche presidenziali), e delle forme attuali di democrazia diretta (il popolo esercita il potere senza intermediari : caso dei referendum deliberativi in Svizzera, dei referendum abrogativi in Italia…), hanno contribuito a far nascere una forte pressione in favore di forme di democrazia partecipata (partecipativa), miranti a promuovere una reale e significativa partecipazione dei cittadini ai processi decisionali e di governo della «res publica ».
Cosi sono nati concetti e strumenti quali comitati di cittadini, bilanci partecipativi, forum partecipativi, laboratori di quartiere, piani strategici delle città, interventi partecipati, giurie di cittadini, progettazione partecipata.
Secondo le pratiche prevalenti, l’implicazione dei cittadini alla gestione della « res publica », nel nostro caso alla gestione del servizio idrico integrato e, più in generale, alla politica dell’acqua, si articola attraverso tre grandi « livelli » di forme e modalità. Si passa dal livello della semplice informazione e consultazione dei cittadini a quello della partecipazione alle decisioni e della gestione diretta di certe funzioni.

Tab. 1 Tipologia dei livelli , forme e modalità di « partecipazione »  dei cittadini
A. Livello basso di «partecipazione »  (che di fatto si apparenta piuttosto alla categoria di formazione e manipolazione dell’opinione dei cittadini)
1.Informazione: i cittadini ricevono ed hanno accesso all’informazione.
   Modalità: depliants, brochures, posta, comunicati stampa, conferenze stampa, centri di informazione, esibizioni, meetings,   internet, eventi culturali…
2. Consultazione: i poteri pubblici «sondano » le opinioni dei cittadini.
   Modalità : questionari con risposta, commenti scritti, audizioni pubbliche non vincolanti, interviste, sondaggi di opinione discussioni via internet, commissioni consultive, gruppi tematici, referendums non vincolanti
B. Livello medio/alto
3. Discussione/dialogo: i poteri pubbllici interagiscono con i cittadini.
    Modalità:- negoziazioni, rappresentanti dei cittadini in enti governativi/pubblici, referendums correttivi, assisi nazionali o locali.
4. Definizione dei principi e delle priorità: i cittadini prendono parte nella definizione delle politiche o dei progetti.
    Modalità: proposte di legge d’iniziativa popolare, assisi/stati generali deliberativi.
C. Livello alto
5. Partecipazione alle decisioni: i cittadini condividono i poteri decisionali con le autorità pubbliche.
    Modalità: audits vincolanti, bilanci partecipativi, referendum abrogativi.
6. Partecipazione ai processi di verifica, di controllo e di valutazione
    Modalità: giuria/tribunale dei cittadini, gruppi di valutazione in seno alle istituzioni parlamentari ed esecutive, autorità urbane di cittadini…..
7. Responsabilità diretta di certe funzioni di governo/gestione:i cittadini esercitano funzioni di governo/gestione in modo autonomo.
    Modalità: comitati di quartiere, organismi della società civile cui i poteri pubblici delegano funzioni di gestione, organismi di gestione e/o finanziari spontanei di cittadini, imprese sociali….
8. Partecipazione ai processi di costruzione « prospettiva »/utopica
   Modalità: gruppi di cittadini responsabili della costruzione ed animazione di scenari, conference di consenso.


Fonte : nostra riformulazione a partire dai lavori citati in bibliografia.


La « partecipazione dei cittadini ». Osservazioni generali
Come si vede, gli strumenti per realizzare una democrazia partecipata (o partecipativa) sono numerosi e svariati, il che é coerente con la vera natura delle pratiche partecipative caratterizzate da un alto livello di variabilità e flessibilità (a seconda dei campi d’intervento, dei livelli territoriali, delle diversità culturali tra paesi, dei tempi decisionali …).
Oggi, grazie anche all’informatica e a Internet se ben utilizzati, l’informazione puo’ trasformarsi in un potente processo di effettiva partecipazione. Una buona informazione dei cittadini da parte delle amministrazioni – e viceversa - diventa vitale per una reale partecipazione. Il che spiega l’importanza dei processi di trasparenza. Anche le azioni preventive, che sono spesso molto più determinanti ed essenziali delle forme d’intervento curativo, dipendono dalla qualità e dall’accessibilità dell’informazione « che conta ». Lo stesso dicasi per le capacità di cooperazione e di condivisione tra gruppi, collettività territoriali e Stati.
Un aspetto importante da sottolineare é il legame particolare della democrazia partecipata con le attività normative, gestionali e di controllo degli enti territoriali « locali » ed in particolare i comuni, le città. Questi livelli territoriali rappresentano gli ambiti privilegiati in cui le pratiche partecipative trovano un terreno fertile per svilupparsi. Quanto detto, non sminuisce la portata delle pratiche partecipative a livello regionale e nazionale (per non parlare di quello europeo e internazionale/ mondiale). Ma, come ben dimostra il governo dei beni comuni/servizi pubblici di natura locale, é a livello « locale » che la forza ed il valore effettivo della democrazia partecipata si misurano in maniera più tangibile e diventano parte integrante del « vivere insieme » quotidiano. Se la democrazia non é partecipativa a livello locale, com’é possibile immaginare che essa possa esserlo a livello di una regione come la Sicilia o la Lombardia e di un paese come l’Italia ?
Da qui l’importanza e la responsabilità degli enti locali (ed il ruolo incitatore e di sostegno da parte delle Regioni) di difendere e promuovere la loro autonomia e di decidere in maniera convinta dei modi, strumenti, e tempi con cui realizzare le pratiche partecipative in un continuo processo innovativo (una funzione che dovrebbe caratterizzare le Regioni).
Di grande criticità é al riguardo il sistema di finanziamento del vivere insieme, in particolare il ruolo affidato alla finanza pubblica. Più i bisogni collettivi fondamentali sono finanziati attraverso meccanismi ed istituzioni di natura privata, meno la democrazia partecipativa é realizzabile e realizzata.
Infine é da sottolineare il fatto che, nei nostri paesi, la democrazia partecipata non é concepita né promossa come una forma distinta od addirittura alternativa alla democrazia rappresentativa. La quasi totalità delle forme menzionate – si pensi per esempio alla proposta di legge di iniziativa popolare , uno strumento specifico all’Italia - non sono sostitutive dei poteri delle istituzioni rappresentative. Il potere decisionale resta nelle mani di quest’ultime. I parlamenti nazionali o regionali o comunali hanno l’ultima parola. Una legge di iniziativa popolare deve costituzionalmente passare attraverso l’esame e le decisioni del parlamento. Cosi come é il consiglio comunale che, in finale, ha il potere di decisione sul bilancio (salvo stabilito altrimenti). Nella visione oggi prevalente della democrazia partecipativa, la regola é quella di non attribuire alle pratiche partecipative il potere di « espropriare » le istanze rappresentative del loro potere di decisione, che resta loro prerogativa.


La partecipazione dei cittadini nel settore dell’acqua
Le iniziative in favore della partecipazione dei cittadini sono state le più numerose, importanti , ed in alcuni casi risolutive, soprattutto in relazione ai problemi di pianificazione e d’intervento urbani (le città/ i quartieri ; congestione urbana, inquinamento, deindustrializzazione, immigrazioni …), specie a partire dagli anni ’80 allorché la crisi urbana si é accentuata nel contesto della crisi ecologica ed economica generale e della crisi delle istituzioni politiche e della democrazia rappresentativa.
Alcune città figurano fra « i luoghi pionieri ». Vancouver (in Canada), Porto Alegre e Curitiba (in Brasile), Zurigo (in Svizzera), diverse città scandinave (Aarhus, Aaalborg, ¨Malmö…) . In Italia si parla di « comuni virtuosi ».
Molto nota é l’esperienza di Porto Alegre sul bilancio partecipativo. Il caso della municipalità di Vancouver é assai interessante. A partire dal 1992 (anno del primo grande vertice mondiale su ambiente e sviluppo e dell’Agenda Locale 21) la città di Vancouver ha messo in moto un lungo e articolato processo di coinvolgimento della popolazione sulle scelte di sviluppo del proprio territorio. Il City Plan – Directions for Vancouver (1995) da cui è stato elaborato un importante documento strategico di pianificazione per tutta la città, con un orizzonte temporale di trent’anni, costituisce un quadro di riferimento per l’integrazione di programmi, priorità e azioni susseguenti, in tutti i settori di sviluppo della comunità. Più di 20.000 abitanti hanno partecipato, durante un triennio, all’elaborazione di una « visione », attraverso la costituzione di ristretti gruppi di discussione (city circles), incontri pubblici di condivisione dei risultati e definizione di documenti preparatori. Oltre al processo generale di partecipazione, risultano di particolare interesse le iniziative attivate, a partire dal 1996, al fine di portare gli obiettivi strategici complessivi ad un livello di definizione a scala di quartiere. Sono infatti stati lanciati due progetti pilota denominati Community Vision Program.
Da qui l’importanza, a mio avviso, della funzione prospettiva/utopica che ho proposto di considerare come l’ultima ma non per questo meno importante forma di partecipazione dei cittadini.
La problematica dell’acqua é entrata nell’agenda della partecipazione dei cittadini attraverso i problemi ambientali, in particolare attraverso le Agende locali 21. Si contano sulle mani delle dita le città europee dove , fino a pochi anni orsono, si potevano menzionare esperienze di pratiche partecipative in materia di politica e di gestione complessiva dei servizi idrici e dell’acqua. E’ nell’ambito dei progammi e delle politiche diventate di moda sulla « città sostenibile » che anche l’acqua é stata il terreno di esperienze partecipative.
Il caso (2005) della proposta di legge regionale toscana sull’acqua d’iniziativa popolare seguito poi (2007) dalla proposta di legge nazionale sull’acqua sempre di iniziativa popolare costituiscono un esempio unico, in Europa, di forme spontanee di partecipazione dei cittadini alla definizione delle politiche dell’acqua al di là delle sole tematiche ambientali relative alla gestione di una risorsa naturale. Le due iniziative portano invece sulle grandi scelte prettamente politiche ed economiche sulla democrazia in materia di un bene essenziale ed insostituibile per la vita ed il vivere insieme come l’acqua.
Lo stesso dicasi, per esempio, dell’iniziativa Dem Eau promossa dall’Agglomerazione di Nantes Metropole in Francia (forma di giuria cittadina sulle scelte operate dalla città) e, più recentemente, della decisione della Regione di Bruxelles Capitale di sostenere, anche finanziariamente, la convocazione degli Stati Generali dell’Acqua a Bruxelles (EGEB), i cui lavori (in corso) avranno una durata di otto mesi. Gli EGEB sono il primo tentativo articolato, voluto congiuntamente dai poteri pubblici e dai cittadini, di testare le modalità le più adeguate per far partecipare i cittadini alla discussione dell’elaborazione (ma non dell’approvazione) del piano quinquennale dell’acqua della Regione di Bruxelles Capitale.


Qualche osservazione sulla situazione in Italia
Come emerge dalla tabella 1, i livelli più alti di partecipazione dei cittadini nel campo dell’acqua sono realizzati dalle forme 1-3, e cioé:


1. Partecipazione alle decisioni (audits vincolanti, bilanci partecipativi, referendums abrogativi….)
2. Partecipazione ai processi di verifica, di controllo e di valutazione (giuria/tribunale dei cittadini, gruppi di valutazione in seno alle istituzioni parlamentari ed esecutive, autorità urbane di cittadini….. )
3. Responsabilità diretta di certe funzioni di governo/gestione, comitati di quartiere, organismi della società civile cui i poteri pubblici delegano funzioni di gestione, organismi di gestione e/o finanziari spontanei di cittadini, imprese sociali….
4. Partecipazione ai processi di costruzione « prospettiva »/utopica. Questa forma é la meno sperimentata attualmente , benché sul piano sociale culturale sia una delle forme più innovative.


In Italia, la cultura della partecipazione ai processi di verifica, di controllo e di valutazione é poco diffusa specie nel campo dell’acqua. Le pratiche di valutazione ex ante sono considerate negli ambienti politici come un freno e quelle ex post come quasi inutili. Nessuna traccia di esperienze di valutazione nel corso dell’esecuzione ( per esempio, dei piani idrici). E’ praticamente impossibile farla, considerato anche che la grande maggioranza degli ATO non fornisce né ai cittadini né al Consiglio Nazionale di Vigilanza surlle Risorse Idriche alcun dato sugli investimenti realizzati rispetto agli investimenti previsti.
Altrettanto inesistenti sono le pratiche partecipative di responsabilità diretta di certe funzioni di gestione/governo assunta da parte dei cittadini. Un esempio interessante sarebbe quello della gestione delle acque piovane. In nessuna città italiana, a mia conoscenza, detta gestione é realizzata – nel caso lo sia - da gruppi di cittadini per condomini, zone di quartiere ; quartieri specifici….Lo stesso dicasi per la protezione delle zone di captaggio delle acque di superfice e da falda ….

A mo’ di conclusione provvisoria, due proposte :
a) da quanto precede, pare opportuno che in Italia gli sforzi innovativi si orientino in priorità nella direzione dello sviluppo delle modalità relative alla forme 2 e 3 (e 4).
b) a tal fine, un primo passo urgente da compiere nel Veneto, nei prossimi tre-quattro mesi, sarebbe quello di procedere ad un inventario delle forme di partecipazione praticate nella regione. Una prima bozza dell’inventario potrebbe essere prodotta nel corso di un seminario di lavoro al quale i partecipanti verrebbeo con delle informazioni raccolte in precedenza.  






Bibliografia
- Arnstein S., A ladder of citizen participation in the USA– Journal of the American Institute of Planners, 1969
- R. Roberts, Public involvement: from consultation to participation, John Wiley & Sons Ltd., 1995
- Erik Mostert, The challenge of public participation, Water Policy, november 2002
- Agenda locale 21 (1992-3) sullo sviluppo e l’ambiente,
- Carta di Aalborg - UE (1994) sulle città sostenibili europee,
- Convenzione di Aarhus-UNECE (1998 e 2004) sui diritti dei cittadini all’informazione ed alla partecipazione
- Raccomandazione del Comitato dei Ministri agli Stati Membri sulla partecipazione dei cittadini alla vita pubblica a livello locale, adottata dalla Commissione Permanente del Consiglio d’Europa (2001)
- Carta di Leipzig - UE (2007) sull’agenda territoriale europea.

Vedi documento pdf >>   Scarica documento pdf >>
Stampa il post

Scuola Itinerante

L'ECONOMIA DEI BENI COMUNI.
E’ possibile costruire una “eco-nomia” fondata sui beni comuni?
Tempo di conoscere per agire

14/12/'13 Sezano .
Cosa si intende per "beni comuni", "beni comuni pubblici" e per "economia dei beni comuni", elementi teorici e dall'esperienza collettiva sociale storica.
> I beni comuni. I nodi da sciogliere. (11.07.2014) > vedi

Info programma qui > Per iscrizioni scrivere a monasterodelbenecomune@gmail.com

18/01/'14 Sezano . "Cos'è il valore? Teorie e politiche, per comprendere i fondamenti della ricchezza/povertà e delle inuguaglianze"



“Dopo le elezioni europee: criticità, sfide e proposte”

Il denaro non può determinare il valore del tempo, del lavoro, della felicità, della conoscenza, dell'acqua. Quando questo succede il tempo, il lavoro, la felicità, la conoscenza, l'acqua muoiono.

Incontro del 28.06.2014 - Sezano (Verona)
- "Le tre criticità maggiori" nella prospettiva di influenzare la definizione delle priorità dell'Agenda politica europea
- "Le sfide principali per la Sinistra europea" in una prospettiva europea-mondiale e locale-nazionale italiana
- "Prime proposte di azioni prioritarie" per semestre italiano UE / Agenda europea 2014-2016
Sintesi dei risultati salienti a cura di Riccardo Petrella (vedi)
Contributi di integrazione

CAMPAGNA STOP TTIP ITALIA

La Campagna Stop TTIP Italia nasce a febbraio 2014 per coordinare organizzazioni, reti, realtà e territori che si oppongono all’approvazione del Trattato di Partenariato Transatlantico su commercio e Investimenti (TTIP)

> leggi

> aderisci alla campagna

> con i piedi per terra

PIERLUIGI DI PIAZZA

"Il mio nemico è l'indifferenza"
essere cristiani nel tempo del grande esodo
Ed. Laterza
Video (1)(2)(3)(4)(5)(6)
Domenica 5 giugno ore 17.00
Monastero Stimmatini Sezano
Paolo Bertezzolo in dialogo con Pierluigi Di Piazza
"Non ci si può dichiarare cristiani e prendere parte alle ingiustizie, professare il razzismo, accettare la discriminazione di omosessuali, nomadi, carcerati, migranti. Non ci si può dichiarare cristiani ed essere complici della distruzione e dell'usurpazione dell'ambiente. Non ci si può dichiarare cristiani aderendo solo a parole al nuovo corso di papa Francesco, perpetuando nei fatti l'antico vizio di strumentalizzare Dio senza voler cambiare nulla. "

Le parole delle donne

2-3-4 gennaio 2016
Presentazione di Silvano Nicoletto
Anna Maria Bigon (parte 1)-(parte 2)-(Premio Comuni Virtuosi)
Donata Gottardi (parte 1)-(parte 2)
Loredana Dal Corso (Prologo)-(parte 1)-(parte 2)-(parte 3)-(parte 4)
Rita Giaretta (Lettera)-(parte 1)-(parte 2)
Susanna Caniato (prologo)-(parte 1)

DIALOGUES AFRICA@EUROPA.IT

"Quando (bianchi, neri,indiani e meticci) ci liberiamo dalle nostre paure, la nostra presenza libera automaticamente tutti gli altri." (Nelson Mandela)
Manifesto dei dialoghi
l'Africa e l'Europa per un destino comune
temi: la cooperazione internazionale, il fenomeno della corruzione, il fenomeno migratorio dentro la relazione Africa- Europa, i corridoi umanitari, il problema dell'infanzia, sfruttamento delle risorse, la desertificazione, e deforestazione, agricoltura per la comunità e per l'esportazione (caffè, cacao, cotone, ...), il furto della terra e dell'acqua, dall'istruzione all'educazione, la volorizzazione dei talenti, la questione giovanile, la politica estera degli stati, conflitti e armamenti, la tratta e le nuove schiavitù, le donne e la comunità, mondo rurale e mondo urbano, le migrazioni climatiche....

Seminario sul pensiero di R.Panikkar

Pace
seminario con Maciej Bielawski
Monastero di Sezano
2014 -18 ott,
29 nov,
20 dic,
2015 - 17 gen, 28 feb, 21 mar, 11 apr, 23 mag, 13 giu
info e iscrizioni: monasterodelbenecomune@gmail.com
t. 3472256997


Eco-logia Forum

"Malcesine" - affresco di Maciej Bielawski

La semplice eco-logia non basta. C’è bisogno anche di un dialogo con la terra. Ho chiamato ecosofia questo atteggiamento di dialogo. La terra non è un mero oggetto, è anche un soggetto, un Tu per noi, con cui dobbiamo imparare a entrare in dialogo. Così potremo scoprire che ecosofia ha un certo ruolo rivelatorio. Il nostro dialogo con la terra può rivelare come stanno le cose”. (R.Panikkar)

Alla ricerca di una cultura ecologica per il nostro territorio”

con Maciej Bielawski, Francesca Bragaja e Cristina Stevanoni

Giovedì 26 febbraio 2015 - ore 20.45 – 22.30

La città come luogo di vita"

con Giorgio Massignan

Mercoledì 18 marzo 2015 - ore 20.45 – 22.30

Biodiversità. La comunità del vivente

con Maria Giovanna Braioni

Giovedì 16 aprile 2015 - ore 20.45 – 22.30

L'agricoltura contadina per la sovranità alimentare

con Francesco Benciolini

Giovedì 14 maggio 2015 - ore 20.45 – 22.30

L'energia della Terra

con Laura Agostini

Giovedì 11 giugno 2015 - ore 20.45 – 22.30

luogo degli incontri: Monastero degli Stimmatini di Sezano - via Mezzomonte 28, verona

info e iscrizioni: monasterodelbenecomune@gmail.com - c. 3472256997

SEGUICI SU

Archivio articoli del blog

I LIBRI del MONASTERO DEL BENE COMUNE

* LIBRI APERTI
"come un libro aperto. la mia semplice testimonianza" di Aurora Morelli, stampato in proprio, luglio 2011, 288 pagine.


* I QUADERNI DEL VIVERE INSIEME
quaderno n. 3 "LE FABBRICHE DELLA POVERTA' " Liberare la società dall'impoverimento. Opera collettiva, stampato in proprio, settembre 2013, pag. 136

quaderno n°2. "IL CAPITALISMO BLU. La predazione della vita " di R. Petrella, stampato in proprio, aprile 2011, 143 pagine.
quaderno n°1. "RES PUBLICA E BENI COMUNI. Pensare le rivoluzioni del XXI secolo", di R. Petrella, stampato in proprio, ottobre 2010,151 pagine.

I libri sono disponibili nella sede dell'Associazione o richiedendoli via mail.


Archivio AUDIO - VIDEO

"Dalle acque amare alle 12 sorgenti e 70 palme". Lettura sapienziale del Libro dell'Esodo, con Mons. G.M. Bregantini
-------------------------------------------------
Nuove relazioni a partire dalla casa di Maria e Giuseppe, con Maria Soave Buscemi
-------------------------------------------------
dai Poveri Illegali alla Illegalità della Povertà, con p.S. Nicoletto, R.Petrella, F.Mestrum
-------------------------------------------------
Attraverso il Sahara. Il viaggio dei migranti verso l'Italia, con J-P. Piessou e giovani immigrati africani
-------------------------------------------------
Uscire dall'angoscia: ascolto e accoglienza, con E.Drewermann
-------------------------------------------------
L'umanesimo biblico, con Carmine Di Sante
-------------------------------------------------
Raimon Panikkar, profeta tra le fedi
con Achille Rossi
-------------------------------------------------
Conoscere le Mafie per costruire Legalità e Responsabilità
Le mafie: fenomeni criminali e non solo audio (Pierpaolo Romani) La mafia di casa nostra, la mafia in casa nostra audio (Monica Zornetta)
Nord-Sud, alleanza per la legalità audio (Vincenzo Linarello)
Cosa Nostra, la mafia siciliana audio (Pierpaolo Romani)
-------------------------------------------------
Lettura de "Res Publica e Beni Comuni"
-------------------------------------------------
La fede degli atei e l'ateismo dei credenti
conversazioni con José Maria Castillo | 3/5.1.'11
-------------------------------------------------
Abitare il Pianeta Errante
conversazioni con Antonietta Potente | 5.12.'10
-------------------------------------------------
Stranieri e Pellegrini, figli di Abramo
con p.Paolo Dall'Oglio e Hamza Piccardo | 9.1.'10

------------------------------------------------ Il sussulto del Diritto per i Diritto con Giancarlo Caselli | 9.1.'10 vedi video

© 2009-2011 Copyright Associazione Monastero del Bene. Per riprodurre i contenuti richiedere autorizzazione al webmaster

Powered by AMAZZER - Vai aINIZIO PAGINA