L'Associazione Monastero del Bene Comune
è nata nel luglio 2009 presso l'antico monastero di Sezano, da un gruppo di persone che hanno a cuore la promozione della convivenza umana nella “città del vivere insieme”.

"L'umanità non è semplicemente l'insieme degli esseri umani, ma sono gli esseri umani che vivono insieme" (Riccardo Petrella).


SOSTIENI L'ASSOCIAZIONE


La criminalità organizzata a Verona: il dossier dell'Osservatorio per la legalità

La criminalità organizzata a Verona: il dossier dell'Osservatorio per la legalità
La criminalità organizzata a Verona: il dossier dell'Osservatorio per la legalità

L'Osservatorio civico per la legalità Verona ha pubblicato un dossier di una ventina di pagine contenente una dettagliata analisi circa la presenza attiva delle "mafie" in terra scaligera
La criminalità organizzata a Verona: il dossier dell'Osservatorio per la legalità
L'Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata ha pubblicato sul proprio portale i dati aggiornati a dicembre 2015 relativi ai beni confiscati a Verona e provincia che rispetto al 2014 sono passati lo scorso anno da 23 a 54. L'Osservatorio civico per la legalità Verona ha a sua volta pubblicato un dossier di una ventina di pagine scaricabili da tutti e contententi un'ampia ed interessante analisi sull'attuale situazione relativa alle infiltrazioni mafiose nel territorio veronese dal titolo "Mafie e illegalità. Uno sguardo sulla città e la provincia di Verona".
Il dossier in questione è stato ripreso in questi giorni da diversi giornali, tra i quali anche L'Arena e il Corriere del Veneto, e la situazione che si prospetta è tutt'altro che rassicurante. Di fatto si tratta di un vero e proprio riepilogo complessivo di tutte le vicende relative al 2015 per quanto riguarda appalti, beni sequestrati, corruzione, spaccio di droghe, estorsioni e usura, discariche abusive, incendi, mafie e truffe.
Nel documento in merito alla questione "mafie" sul territorio si legge: "Le dichiarazioni del Prefetto, così come quelle della Presidente della Commissione Parlamentare Antimafia, On. Rosy Bindi, suggeriscono di non sottovalutare il fenomeno delle infiltrazioni mafiose a Verona, in particolare quelle della 'ndrangheta, la mafia calabrese. Rosy Bindi ha affermato che Verona <<è un punto di fragilità nella regione dal punto di vista delle infiltrazioni>> e ha proposto, a seguito di quanto emerso dall’inchiesta Aemilia e da alcune vicende giudiziarie che hanno riguardato amministratori del Comune di Verona – come ad esempio l’ex vice Sindaco Vito Giacino – di valutare la possibilità di istituire una Commissione per l'accesso agli atti dell’ente".
Quest'ultima ipotesi venne stigmatizzata dallo stesso sindaco Tosi come "strampalata", ma in seguito sull'appettibilità della provincia scaligera per le "mafie" ritornò ancora lo stesso Prefetto Mulas, lanciando avvisaglie d'allarme e chiedendo che venisse prestata massima attenzione da parte degli imprenditori locali. Sempre Mulas inoltre inviò nel corso del 2015 ben tre interdittive antimafia che coinvolsero altrettante società (Nico.Fer, Gri.Ka e Gfa srl), vietandole di intrattenere alcun rapporto con la pubblica amministrazione. Il Prefetto Mulas, alla fine del 2015 si espresse così: "Le organizzazioni criminali usano la nostra città come cassaforte. I veronesi sono bravissimi a creare ricchezza ma devono stare attenti che questa ricchezza non venga aggredita. Lo ripeto ovunque vada, ai politici, alle forze dell'ordine, agli imprenditori: quando vieni preso nella morsa della mafia, non te ne liberi più. Se la 'ndrangheta è riuscita ad arrivare in Germania, volete che non riesca ad arrivare nel nord Italia?"
Il documento dell'Osservatorio civico per la legalità Verona riporta in merito anche l'elenco dei nomi delle famiglie collegate alla 'ndrangheta presenti ed operative sul territorio tra Verona e Vicenza: "Secondo quanto riportato nella relazione della Direzione investigativa antimafia, relativa al primo semestre 2015, tra le province di Verona e di Vicenza opererebbero le seguenti ‘ndrine calabresi: Dragone e Grande Aracri di Cutro (Kr), Papalia-Italiano di Delianuova (Rc), Anello-Fiumana di Filadelfia, Morabito-Pangallo-Marte di Africo Nuovo (Rc), Pesce di Rosarno (Rc), Arena di Isola Capo Rizzuto (Kr) e Alvaro di Si- nopoli (Rc)". Al centro degli interessi della criminalità organizzata vi sarebbero soprattutto attività connesse al mondo dell'edilizia, oltre a quelle legate al settore dei trasporti, del turismo e della ristorazione.
Per quanto riguarda invece la droga, il dossier riporta che nel corso del 2015 "complessivamente sono stati sequestrati più di 345 kg di sostanze stupefacenti, in particolare hashish (198 kg), marijuana (58 kg), eroina (54 kg). Sono state 284 le persone denunciate per reati collegati alla droga, di cui 55% straniere e il 45% italiane". In merito però emerge come il fenomeno sia prevalentemente legato a persone di nazionalità straniera, soprattutto marocchina e albanese, mentre dai dati raccolti dall'Osservatorio le "mafie" sembrerebbero meno interessate a questo genere di attività, anche se in significativo aumento.
Infine il dossier si sofferma inoltre sul tema delle "discariche" e degli "incdendi", riportando una serie di fatti di cronaca avvenuti nei mesi scorsi e traendo una preoccupante conclusione che dovrebbe far molto pensare: "Per quanto concerne la situazione degli incendi rilevati nella provincia di Verona, vi sono due elementi che fanno riflettere: da una parte, la loro numerosità e, dall’altra, il fatto che ad essere principalmente colpite sono ditte dedite al trattamento e allo smaltimento dei rifiuti. Questo, come è stato scritto anche in alcune interrogazioni parlamentari, porterebbe a pensare, almeno in alcuni casi, alla possibilità di ingerenze da parte delle criminalità organizzata".
VeronaSera 26 aprile 2016 (Fonte)


Potrebbe interessarti:http://www.veronasera.it/cronaca/dossier-osservatorio-civico-legalita-mafie-territorio-criminalita-organizzata-26-aprile-2016.html
Seguici su Facebook:http://www.facebook.com/veronasera



Stampa il post

Scuola Itinerante

L'ECONOMIA DEI BENI COMUNI.
E’ possibile costruire una “eco-nomia” fondata sui beni comuni?
Tempo di conoscere per agire

14/12/'13 Sezano .
Cosa si intende per "beni comuni", "beni comuni pubblici" e per "economia dei beni comuni", elementi teorici e dall'esperienza collettiva sociale storica.
> I beni comuni. I nodi da sciogliere. (11.07.2014) > vedi

Info programma qui > Per iscrizioni scrivere a monasterodelbenecomune@gmail.com

18/01/'14 Sezano . "Cos'è il valore? Teorie e politiche, per comprendere i fondamenti della ricchezza/povertà e delle inuguaglianze"



“Dopo le elezioni europee: criticità, sfide e proposte”

Il denaro non può determinare il valore del tempo, del lavoro, della felicità, della conoscenza, dell'acqua. Quando questo succede il tempo, il lavoro, la felicità, la conoscenza, l'acqua muoiono.

Incontro del 28.06.2014 - Sezano (Verona)
- "Le tre criticità maggiori" nella prospettiva di influenzare la definizione delle priorità dell'Agenda politica europea
- "Le sfide principali per la Sinistra europea" in una prospettiva europea-mondiale e locale-nazionale italiana
- "Prime proposte di azioni prioritarie" per semestre italiano UE / Agenda europea 2014-2016
Sintesi dei risultati salienti a cura di Riccardo Petrella (vedi)
Contributi di integrazione

CAMPAGNA STOP TTIP ITALIA

La Campagna Stop TTIP Italia nasce a febbraio 2014 per coordinare organizzazioni, reti, realtà e territori che si oppongono all’approvazione del Trattato di Partenariato Transatlantico su commercio e Investimenti (TTIP)

> leggi

> aderisci alla campagna

> con i piedi per terra

PIERLUIGI DI PIAZZA

"Il mio nemico è l'indifferenza"
essere cristiani nel tempo del grande esodo
Ed. Laterza
Video (1)(2)(3)(4)(5)(6)
Domenica 5 giugno ore 17.00
Monastero Stimmatini Sezano
Paolo Bertezzolo in dialogo con Pierluigi Di Piazza
"Non ci si può dichiarare cristiani e prendere parte alle ingiustizie, professare il razzismo, accettare la discriminazione di omosessuali, nomadi, carcerati, migranti. Non ci si può dichiarare cristiani ed essere complici della distruzione e dell'usurpazione dell'ambiente. Non ci si può dichiarare cristiani aderendo solo a parole al nuovo corso di papa Francesco, perpetuando nei fatti l'antico vizio di strumentalizzare Dio senza voler cambiare nulla. "

Le parole delle donne

2-3-4 gennaio 2016
Presentazione di Silvano Nicoletto
Anna Maria Bigon (parte 1)-(parte 2)-(Premio Comuni Virtuosi)
Donata Gottardi (parte 1)-(parte 2)
Loredana Dal Corso (Prologo)-(parte 1)-(parte 2)-(parte 3)-(parte 4)
Rita Giaretta (Lettera)-(parte 1)-(parte 2)
Susanna Caniato (prologo)-(parte 1)

DIALOGUES AFRICA@EUROPA.IT

"Quando (bianchi, neri,indiani e meticci) ci liberiamo dalle nostre paure, la nostra presenza libera automaticamente tutti gli altri." (Nelson Mandela)
Manifesto dei dialoghi
l'Africa e l'Europa per un destino comune
temi: la cooperazione internazionale, il fenomeno della corruzione, il fenomeno migratorio dentro la relazione Africa- Europa, i corridoi umanitari, il problema dell'infanzia, sfruttamento delle risorse, la desertificazione, e deforestazione, agricoltura per la comunità e per l'esportazione (caffè, cacao, cotone, ...), il furto della terra e dell'acqua, dall'istruzione all'educazione, la volorizzazione dei talenti, la questione giovanile, la politica estera degli stati, conflitti e armamenti, la tratta e le nuove schiavitù, le donne e la comunità, mondo rurale e mondo urbano, le migrazioni climatiche....

Seminario sul pensiero di R.Panikkar

Pace
seminario con Maciej Bielawski
Monastero di Sezano
2014 -18 ott,
29 nov,
20 dic,
2015 - 17 gen, 28 feb, 21 mar, 11 apr, 23 mag, 13 giu
info e iscrizioni: monasterodelbenecomune@gmail.com
t. 3472256997


Eco-logia Forum

"Malcesine" - affresco di Maciej Bielawski

La semplice eco-logia non basta. C’è bisogno anche di un dialogo con la terra. Ho chiamato ecosofia questo atteggiamento di dialogo. La terra non è un mero oggetto, è anche un soggetto, un Tu per noi, con cui dobbiamo imparare a entrare in dialogo. Così potremo scoprire che ecosofia ha un certo ruolo rivelatorio. Il nostro dialogo con la terra può rivelare come stanno le cose”. (R.Panikkar)

Alla ricerca di una cultura ecologica per il nostro territorio”

con Maciej Bielawski, Francesca Bragaja e Cristina Stevanoni

Giovedì 26 febbraio 2015 - ore 20.45 – 22.30

La città come luogo di vita"

con Giorgio Massignan

Mercoledì 18 marzo 2015 - ore 20.45 – 22.30

Biodiversità. La comunità del vivente

con Maria Giovanna Braioni

Giovedì 16 aprile 2015 - ore 20.45 – 22.30

L'agricoltura contadina per la sovranità alimentare

con Francesco Benciolini

Giovedì 14 maggio 2015 - ore 20.45 – 22.30

L'energia della Terra

con Laura Agostini

Giovedì 11 giugno 2015 - ore 20.45 – 22.30

luogo degli incontri: Monastero degli Stimmatini di Sezano - via Mezzomonte 28, verona

info e iscrizioni: monasterodelbenecomune@gmail.com - c. 3472256997

SEGUICI SU

Archivio articoli del blog

I LIBRI del MONASTERO DEL BENE COMUNE

* LIBRI APERTI
"come un libro aperto. la mia semplice testimonianza" di Aurora Morelli, stampato in proprio, luglio 2011, 288 pagine.


* I QUADERNI DEL VIVERE INSIEME
quaderno n. 3 "LE FABBRICHE DELLA POVERTA' " Liberare la società dall'impoverimento. Opera collettiva, stampato in proprio, settembre 2013, pag. 136

quaderno n°2. "IL CAPITALISMO BLU. La predazione della vita " di R. Petrella, stampato in proprio, aprile 2011, 143 pagine.
quaderno n°1. "RES PUBLICA E BENI COMUNI. Pensare le rivoluzioni del XXI secolo", di R. Petrella, stampato in proprio, ottobre 2010,151 pagine.

I libri sono disponibili nella sede dell'Associazione o richiedendoli via mail.


Archivio AUDIO - VIDEO

"Dalle acque amare alle 12 sorgenti e 70 palme". Lettura sapienziale del Libro dell'Esodo, con Mons. G.M. Bregantini
-------------------------------------------------
Nuove relazioni a partire dalla casa di Maria e Giuseppe, con Maria Soave Buscemi
-------------------------------------------------
dai Poveri Illegali alla Illegalità della Povertà, con p.S. Nicoletto, R.Petrella, F.Mestrum
-------------------------------------------------
Attraverso il Sahara. Il viaggio dei migranti verso l'Italia, con J-P. Piessou e giovani immigrati africani
-------------------------------------------------
Uscire dall'angoscia: ascolto e accoglienza, con E.Drewermann
-------------------------------------------------
L'umanesimo biblico, con Carmine Di Sante
-------------------------------------------------
Raimon Panikkar, profeta tra le fedi
con Achille Rossi
-------------------------------------------------
Conoscere le Mafie per costruire Legalità e Responsabilità
Le mafie: fenomeni criminali e non solo audio (Pierpaolo Romani) La mafia di casa nostra, la mafia in casa nostra audio (Monica Zornetta)
Nord-Sud, alleanza per la legalità audio (Vincenzo Linarello)
Cosa Nostra, la mafia siciliana audio (Pierpaolo Romani)
-------------------------------------------------
Lettura de "Res Publica e Beni Comuni"
-------------------------------------------------
La fede degli atei e l'ateismo dei credenti
conversazioni con José Maria Castillo | 3/5.1.'11
-------------------------------------------------
Abitare il Pianeta Errante
conversazioni con Antonietta Potente | 5.12.'10
-------------------------------------------------
Stranieri e Pellegrini, figli di Abramo
con p.Paolo Dall'Oglio e Hamza Piccardo | 9.1.'10

------------------------------------------------ Il sussulto del Diritto per i Diritto con Giancarlo Caselli | 9.1.'10 vedi video

© 2009-2011 Copyright Associazione Monastero del Bene. Per riprodurre i contenuti richiedere autorizzazione al webmaster

Powered by AMAZZER - Vai aINIZIO PAGINA